venerdì, 30 Settembre 2022

Guerra in Ucraina, bombe su Nikopol e Kharkiv: 2 feriti. Mosca compra missili da Corea del Nord

Le forze di Mosca hanno attaccato il distretto di Nikopol e la città di Kharkiv, ferendo due civili e distruggendo numerosi edifici. L'esercito ucraino respinge gli attacchi nel Donetsk e ha accerchiato le truppe russe sulla riva destra del Dnepr. La Russia risulta in forte difficoltà con i rifornimenti militari a causa delle sanzioni.

Da non perdere

L’esercito russo ha bombardato per tre volte il distretto di Nikopol con Grad Mlrs. Un uomo e una donna sono rimasti feriti, mentre i missili hanno colpito un asilo, due scuole, un centro ricreativo e un club sportivo. Sono 20 i condomini e 11 gli edifici privati danneggiati nella città. Attaccata questa mattina anche Kharkiv, dove un condominio nella parte centrale della città è stato distrutto. Intanto Kiev respinge gli attacchi moscoviti nella regione del Donetsk, in particolare nelle aree di Soledar, Zaytseve, Shakhta Butivka e Spartak.

Controffensiva di Kiev: russi accerchiati su riva destra Dnepr

Le forze ucraine stanno conducendo azioni controffensive non solo nel Sud ma anche nell’Est e nel Sud-Est del Paese. Lo ha reso noto Oleksiy Arestovych, alto consigliere presidenziale ucraino, aggiungendo che l’esercito di Kiev ha liberato diversi insediamenti sulla sponda occidentale del Dnepr, ponendo le forze russe sulla riva destra fiume in “accerchiamento operativo“. Secondo le previsioni di Arestovych, entro un mese la posizione delle truppe di Mosca sarà “estremamente difficile”.

Mosca in difficoltà con i droni a causa delle sanzioni

Secondo l’intelligence britannica, la Russia avrebbe difficoltà nella scorta di droni a causa delle sanzioni e delle perdite nei combattimenti in Ucraina. Ne sarebbe prova anche la forte diminuzione dei droni tattici russi in volo sui territori ucraini per individuare gli obiettivi da colpire con le bombe. La limitata disponibilità di Uav da ricognizione starebbe ostacolando molto le operazioni russe, che negli ultimi anni si sono basate sull’impiego di questi dispositivi.

Russia compra missili da Pyongyang

Per potenziare il suo arsenale Mosca sta, però, puntando all’acquisto di missili dalla Corea del Nord. Lo ha riferito l’intelligence Usa. Anche secondo una fonte statunitense anonima, il fatto che Mosca si rivolga a Pyongyang è sintomo delle difficoltà che l’esercito russo continua a soffrire “per la grave carenza di rifornimenti in Ucraina, anche a causa dei controlli e delle sanzioni sulle esportazioni”.

Ultime notizie