venerdì, 30 Settembre 2022

Rave Party “di nascosto” ma non troppo: messaggi intercettati sui social arrivano le Forze dell’Ordine

Numerosi giovani sono stati fermati da posti di blocco e un 59enne è stato arrestato dopo avergli trovato 136 grammi di cannabis addosso e altri 3 chili nella sua abitazione.

Da non perdere

Sabato 27 agosto la Polizia, l’Arma dei Carabinieri e la Polizia Locale di Genova sono riuscite a sventare un Rave Party sul Monte Moro a seguito di informazioni raccolte sulla piattaforme social. Dopo aver individuato una serie di messaggi che facevano riferimento all’evento sabato 27 agosto intorno alle 23, i Carabinieri sono stati in grado di scoprire anche il luogo esatto del ritrovo: la radura di Monte Moro, attivando così l’Ufficio di Gabinetto della Questura che ha avviato un servizio d’ordine pubblico.

Sono quindi partite delle operazioni di filtraggio, posti di blocco e di controllo da parte di Volanti della Questura, pattuglie dei Carabinieri e della Polizia Locale, un contingente del VI Reparto Mobile e degli equipaggi della DIGOS che hanno impedito a numerosi giovani a bordo di veicoli di dirigersi al Rave Party. Nove ragazzi sono stati trovati in località Belvedere vicino a un furgone pieno di strumentazioni elettroniche e acustiche da utilizzare al Rave e un uomo di 59 anni è stato trovato in possesso di 136 grammi di cannabis.

A seguito della perquisizione nell’abitazione dell’uomo, gli agenti dell’UPGSP hanno individuato altri 3 chili di cannabis e una tenda per la sua coltivazione con all’interno una piantina, 3 bilancini di precisione e altro materiale per il confezionamento delle dosi. Il 59enne, non privo di svariati precedenti penali per reati contro la persona e il patrimonio, è stato arrestato e trasferito al carcere di Marassi per essere sottoposto all’Autorità Giudiziaria.

Ultime notizie