giovedì, 29 Settembre 2022

Tennis, Master di Cincinnati: avanzano Fognini e Sinner. Eliminati invece Musetti, Sonego, Giorgi e Trevisan

Giornata agrodolce per il tennis italiano nel master 1000 di Cincinnati. Dopo la sconfitta di Berrettini nella prima giornata, sono stati eliminati all'esordio anche Lorenzo Musetti e Lorenzo Sonego rispettivamente da Borna Coric e dalla wild card Ben Shelton. Anche nel femminile non c'è da sorridere con le uscite di scena di Martina Trevisan e Camila Giorgi. Le buone notizie arrivano da Fabio Fognini che ha avuto la meglio sullo spagnolo Ramos- Vinolas in due set 6-2, 6-3; e da Jannik Sinner che ha vinto in rimonta contro l'australiano Thanasi Kokkinakis per 6-7, 6-4, 7-6.

Da non perdere

Giornata agrodolce per i colori azzurri nel Master 1000 di Cincinnati in Ohio. Il torneo che precede gli US open, ultimo Slam dell’anno, ha visto passare al secondo turno solo 2 italiani su 6. Dopo l’eliminazione di Berrettini a opera di Tiafoe, escono di scena anche Sonego e Musetti nel maschile, mentre nel femminile subito fuori Martina Trevisan e Camila Giorgi. Vanno avanti invece Jannik Sinner e Fabio Fognini.

Le partite

Partiamo da Lorenzo Sonego che è stato estromesso dal torneo dal 19enne Ben Shelton. La wild card americana ex campione Ncaa, campionato universitario del Stati Uniti, ha avuto la meglio sull’azzurro con il risultato di 7-6, 3-6, 7-5. La partita ha visto un Sonego giocare malissimo il tie-break del primo set commettendo troppi errori gratuiti. Dopo essersi ripreso nel secondo, si è messa di mezzo la pioggia a complicare i piani del tennista torinese intento a portare il match al tie-break decisivo nel terzo set. Lorenzo si è deconcentrato, dando modo al suo giovane avversario di vincere il set decisivo 7-5.

Pic by [email protected]

Stessa sorte anche per Lorenzo Musetti reduce dalle qualificazioni in cui aveva superato il serbo Lajovic. L’italiano n°30 del mondo, ha perso malamente contro il croato Borna Coric. Dopo un inizio da applausi in cui Lorenzo guidava il set per 3-0 e con doppia palla break, il ventenne di Carrara si è fatto recuperare dall’avversario. Emblematici sono stati tre colpi finiti a rete nel settimo game che hanno consegnato di fatto a Coric un decisivo controbreak. Come se non bastasse Musetti ha sprecato ulteriore chances, in particolare nel decimo gioco in cui il tennista azzurro è riuscito a guadagnarsi un set point buttato subito al vento con una risposta che non è entrata neanche in campo. A decidere il primo set è stato il tie break vinto facilmente dal croato. Da quel punto in poi, Lorenzo si è spento pian piano e Coric ha chiuso il match con il punteggio di 7-6, 6-3 regalandosi la sfida al secondo turno contro Rafa Nadal.

Pic by Tiwtter @federtennis

pic by twitter @federtennis

Nulla da fare come nemmeno per Martina Trevisan, eliminata dalla russa Kalinskaya per 7-6, 7-5. Anche Camila Giorgi dice addio al torneo in Ohio dopo aver ceduto al terzo parziale alla tennista ucraina Kostyuk con il risultato di 6-4, 5-7, 6-4.

Buona la prima per Sinner e Fognini

pic by Twitter

Belle vittorie invece per Fabio Fognini e Jannik Sinner. L’altoatesino, nel giorno del suo 21° compleanno, si regala il secondo turno dopo aver avuto ragione nei confronti dell’australiano di origine greca, Thanasi Kokkinakis. Match che però si è rivelato più difficile del previsto per il n.12 del mondo che ha dovuto lottare fino al terzo set per avere la meglio su un Kokkinakis in buonissima forma. Infatti, l’amico e compagno di doppio di Kyrgios si porta avanti vincendo il primo set al tie-break costringendo così Jannik alla rimonta. Dopo un primo parziale giocato con un pò troppo timore, l’allievo di Vagnozzi, lascia come si dice in gergo, “andare il braccio“, diventando molto più aggressivo. Dopo essersi portato sopra 4-2 e avanti di un break, Jannik ha la possibilità di chiudere prima il secondo set, ma Kokkinakis resiste e prolunga il parziale. Sinner non si lascia distrarre e con la solità caparbietà che lo contraddistingue porta a casa il secondo set per 6-4. Nel terzo, l’italiano si ritrova sotto 3-4 e 15-40, con l’australiano che ha la chance di ottenere il break e servire per il match sul 5-3. Ma a livello mentale Jannik ha poco da invidiare a tutti nel circuito e con un bel servizio ad uscire e un dritto efficace in drop salva la prima palla break. In seguito arriva una coraggiosissima discesa con che l’azzurro chiude salvando game e match. Sul 5-5 stavolta è sempre il tennista originario della Val di Pusteria ad essere protagonista che ottiene ben quattro palle break nei confronti di Kokkinakis che riesce a recuperare e a mandare il tutto nel decisivo tie break. Un tie break molto combattuto che ha visto la svolta sul 6-6: Jannik riesce a rispondere alla grande alla prima di Kokkinakis e con un bel rovescio incrociato si procura la palla match. Questo volta ad aiutarlo è il dritto che li permette di chiudere la partita per 8 punto a 6 nel tie break. Il risultato finale vede Sinner vincitore per 6-7, 6-4, 7-6. Nei sedicesimi di finale il n.1 d’Italia se la dovrà vedere con il serbo Miomir Kecmanovic che ha eliminato il neo campione di Montreal, lo spagnolo Carreno Busta per 6-1, 5-7, 7-6.

Pic by twitter

Altra vittoria, questa volta più in scioltezza è stata quella di Fabio Fognini che dopo essere stato ripescato come lucky loser dopo aver perso nelle qualificazioni dall’americano Giron; ha vinto contro un altro spagnolo, Ramos-Vinolascon il netto punteggio di 6-2, 6-3. Nonostante lo spagnolo comincia bene conquistandosi subito due palle break, il tennista ligure riesce a vincere due scambi durissimi per andare in vantaggio 1-0 nel primo. Cosa che succede anche sul 1 pari sempre nel set d’apertura dove Fabio fronteggia un altra palla break salvandola questa volta grazie al servizio. I pericoli per il tennista di Arma di Taggia sono finiti quì perchè Ramos Vinolas non riesce più a mettere in difficoltà l’azzurro che vince il primo parziale per 6-2 dopo 37 minuti. Da evidenziare il fatto che ogni volta che lo spagnolo ha provato ad assaggiare il break, viene rispedito indietro dal tennista italiano. Nel secondo set Fognini subisce il primo break del match ma dopo un medical time out chiamato da Ramos, Fabio sfrutta i diversi errori dello spagnolo e alza le percentuali al servizio. Il n.40 di Spagna comincia ora a palesare le sue difficoltà fisiche con Fognini che se ne approfitta e senza particolari sforzi ottiene il break nei confronti dell’avversario. Il ligure mantiene alta l’attenzione nei successivi giochi e con un bel servizio e dritto in contropiede chiude la partita 6-2, 6-3 dopo “appena” un ora e venti minuti. Al secondo turno incontrerà Rublev n.8 del mondo. Sfida non certa proibitiva per l’italiano con il pur forte tennista russo che sta attraversando un momento negativo dal punto di vista dei risultati e della forma fisica.

Ultime notizie