martedì, 9 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, ancora missili nella zona Sud del paese. Filorussi: “Donetsk sarà liberata da ucraini entro fine agosto”

Ancora bombardamenti sulle città di Kharkiv e Chuhuiv. Pioggia di missili anche su Mykolaiv e Odessa. Mosca ha dichiarato di aver ucciso 40 mercenari, di cui molti polacchi. I filorussi sostengono che l'autoproclamata Repubblica di Donetsk sarà presto "liberata" dalle truppe ucraine. Domani a Istanbul aprirà il Centro di coordinamento per le esportazioni del grano di Kiev.

Da non perdere

È di un morto e tre feriti il bilancio dei bombardamenti russi di ieri sulla regione di Kharkiv. Questa mattina le truppe russe hanno sferrato attacchi missilistici contro le città di Kharkiv e Chuhuiv. Non sono state segnalate vittime, ma alcune infrastrutture sono state danneggiate. Sempre questa mattina 18 missili sono caduti sulla regione di Mykolaiv. Si tratta di 12 missili S-300 e 6 missili Kh-59.  Altri 13 missili hanno invece colpito l’area urbana di Zatoka, nella regione di Odessa.

Mosca: “Uccisi 40 mercenari, molti polacchi”

Secondo quanto riferito dal ministero della Difesa russo, 40 “mercenari stranieri” sono stati uccisi dalle forze moscovite. Molti di essi provenivano dalla Polonia. I mercenari sarebbero morti nel corso di “un attacco con armi ad alta precisione” vicino alla città di Kostjantynivka, nell’oblast di Donetsk, dove si trovava “un’unità della legione straniera” che combatteva con Kiev.

Filorussi: “Donetsk sarà liberata da ucraini entro fine agosto”

Il primo vice ministro dell’Informazione dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk, Daniil Bezsonov, sostiene che la Dpr sarà “liberata” dalle truppe ucraine entro la fine di agosto. “Sono sicuro che il territorio della DPR sarà completamente liberato entro la fine di agosto”, ha dichiarato Bezsonov. Di recente la portavoce del ministro degli Esteri russo, Maria Zakharova, aveva dichiarato “che presto la Repubblica popolare di Donetsk ” sarebbe stata “completamente ripulita dai neonazisti ucraini per mano delle forze alleate”.

Grano, apre domani centro di coordinamento a Istanbul

Nella giornata di domani a Istanbul avrà luogo la cerimonia ufficiale di apertura del Centro di coordinamento istituito nell’ambito dell’accordo raggiunto da Mosca e Kiev. Lo ha reso noto il ministero della Difesa turco. Il Centro di coordinamento, secondo quanto stabilito, avrà il compito di monitorare l’attuazione dell’intesa sulle esportazioni di grano dall’Ucraina. Nel corso della mattinata il presidente turco Erdogan aveva chiesto a Kiev e Mosca il rispetto degli accordi presi, soprattutto di fronte ai pesanti bombardamenti degli ultimi giorni sul porto di Odessa.

Ultime notizie