venerdì, 12 Agosto 2022

Emergenza incendi, la Versilia continua a bruciare: 500 gli evacuati, in fumo 560 ettari

Le fiamme che da due giorni stanno bruciando la Versilia hanno ripreso vigore durante la notte a causa del vento. Altri centri abitati sono stati interessanti del fuoco; 500 le persone fatte evacuare, in fumo 560 ettari.

Da non perdere

Notte d’inferno quella appena trascorsa nel comune di Massarosa, in provincia di Lucca. Un rogo sempre più esteso ha interessato vari centri del versiliese; molte famiglie sono state fatte evacuare. E come se non bastasse ad alimentare il tutto è arrivato il miglior amico degli incendi: il vento.

I nuovi roghi

I Vigili del Fuoco hanno spiegato che durante la notte, a causa del vento, i roghi hanno ripreso vigore, le fiamme hanno cambiato direzione minacciando altri centri abitativi come Miglianello, Pieve a Elici, Montigiano e coinvolgendo anche gli insediamenti a fondo valle. Altri nuclei familiari sono stati fatti allontanare dalle loro abitazioni; circa 200 le persone fatte evacuare dalle zone non ritenute sicure.

Esplosione di serbatoi di Gpl

La notte non è stata critica solo per gli abitanti del posto, ma anche il personale antincendio ha dovuto far fronte a situazioni critiche tra il vento, la scarsa visibilità, le zone impervie e le diverse esplosioni di serbatoi di Gpl. In attesa dei canadair e degli elicotteri Aib sono impegnate squadre dei Vigili del Fuoco arrivate da tutta la Toscana. Intanto ettari di terreno vanno in fumo; nell’ultima stima di ieri si parlava di 500 ettari bruciati.

“Stiamo lavorando per contenere e contrastare il fuoco in ogni modo, ma la situazione è complicata, ha spiegato il presidente della regione Toscana, Eugenio Giani. Non è un incendio che si sviluppa in modo lineare e continuo, ma salta anche di diversi chilometri che costringono a rivedere continuamente i piano di intervento.”

Ultime notizie