venerdì, 12 Agosto 2022

Covid, in calo RT e ricoveri. Aumentano incidenza e terapie intensive: 8 regioni ad alto rischio

Torna a scendere l'indice RT, il valore che calcola l'andamento dei contagi. L'incidenza, invece, ovvero il numero di casi settimanali su 100mila abitanti, è ancora in salita. Cala, inoltre, l'RT dei ricoveri. Sale, invece, il tasso di occupazione in terapia intensiva. Otto regioni sono classificate a rischio alto per la presenza di molteplici allerte di resilienza.

Da non perdere

Torna a scendere l’indice RT, il valore che calcola l’andamento dei contagi. Per il Ministero alla Salute e l’Istituto Superiore di Sanità siamo a 1,34 contro l’1,40 della scorsa settimana. L’incidenza, invece, ovvero il numero di casi settimanali su 100mila abitanti, è ancora in salita. Passa, infatti, da 1.071 casi a 1.158. L’aumento è ridotto dell’8%. Secondo i dati, dunque, la curva dell’ondata estiva di Omicron 5 si sta assestando. E, a breve, dovrebbe cominciare a scendere.

Cala, inoltre, l’RT dei ricoveri. Dall’1,24 della settimana scorsa siamo adesso ad 1,15. Il valore, nello specifico, riguarda l’occupazione dei letti ospedalieri. Sale, invece, il tasso di occupazione in terapia intensiva. Dal 3,5% della settimana scorsa al 3,9 di oggi. Quello delle aree mediche passa dal 13,3% al 15,8%. “La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve aumento”, spiegano gli esperti. “Al 10% della scorsa settimana si è sostituito l’11% di oggi. In netta diminuzione, invece, è la percentuale dei casi rilevati attraverso i sintomi: 39% contro 41%. In aumento, poi, è la percentuale dei casi diagnosticati attraverso screening: 50% contro 49%”.

Nessuna Regione o Provincia, tuttavia, è considerata a basso rischio di progressione della malattia. “Tredici sono considerate a rischio moderato. Mentre 8 sono classificate a rischio alto per la presenza di molteplici allerte di resilienza. Una, infine, per non aver raggiunto la soglia minima di qualità dei dati trasmessi all’Istituto Superiore di Sanità”. Inoltre, 19 realtà locali riportano almeno una allerta di resilienza. Sette ne hanno molteplici.

Ultime notizie