sabato, 2 Luglio 2022

Discriminazione, 4 donne denunciano Google: accordo raggiunto. A 15mila lavoratrici 118 milioni di dollari

Google dovrà pagare 118 milioni di dollari a 15.500 donne per risolvere una causa collettiva per discriminazione di genere. Quattro ex lavoratrici hanno denunciato di essere state inserite in mansioni di livello e paga inferiori rispetto a uomini ugualmente qualificati e di non avere avuto la possibilità di promozioni o avanzamento di carriera.

Da non perdere

A seguito di una causa collettiva per discriminazione di genere, Google ha accettato di pagare 118 milioni di dollari a circa 15.500 ex dipendenti. La denuncia è stata avanzata nel 2017 da alcune lavoratrici per il presunto inserimento in ruoli di livello inferiore e stipendio più basso rispetto a uomini con le stesse qualifiche. Le donne hanno anche accusato l’azienda di non aver concesso loro promozioni o passaggio ad altri team per un avanzamento di carriera.

I legali che hanno rappresentato queste dipendenti, Kelly Ellis, Helli Wisuri, Holly Pease e Heidi Lamar, hanno reso noto che l’accordo riguarda circa 15.500 donne con 236 mansioni che hanno svolto la propria attività lavorativa presso Google in California dal 14 settembre del 2013. Due figure esterne entreranno in gioco nell’ambito dell’accordo: un esperto che esaminerà le attività di livellamento al momento dell’assunzione e un economista del lavoro che analizzerà gli studi sull’equità retributiva di Google.

Ultime notizie