martedì, 24 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, 42 diplomatici russi espulsi da Paesi europei. A Roma curati già 110 minori

Diplomatici russi espulsi: 21 in Belgio, 17 nei Paesi Bassi, 4 in Irlanda. 6mila rifugiati ucraini sono assistiti dalla Caritas, 110 bambini sono stati curati all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, 12.700 tessere sanitarie per europei non iscritti sono state rilasciate per prestazioni del SSN. Congelati in Sardegna beni di lusso per 66 milioni di euro a oligarchi russi.

Da non perdere

In questo preciso momento storico, l’Europa sta mostrando un’unità che finora era solo stata sognata. L’Unione europea era nata proprio con l’idea di coesione e collaborazione e con il conflitto in Ucraina ha raggiunto questo ideale, vedendo i Paesi dell’Ue prendere decisioni in assoluto accordo e armonia e creando un fronte unico contro le ingiustizie della guerra. Dopo i vari pacchetti di sanzioni varati contro la Russia, alcuni Stati hanno iniziato a espellere diplomatici russi con l’accusa di essere implicati in operazioni di spionaggio, minacciando così la sicurezza nazionale: in Belgio sono 21 gli espulsi, 17 nei Paesi Bassi e 4 in Irlanda.

In Italia continuano ad arrivare rifugiati ucraini, fra cui un’alta percentuale di bambini. A oggi sono oltre 6mila le persone giunte nel nostro Paese e attualmente assistite dalla Caritas. Dall’arrivo dei primi ospiti, sono stati presi in carico dall’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma 110 minori, di cui 24 sono al momento ancora ricoverati, secondo quanto riferito dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. Sempre nella capitale italiana, sono stati aperti gli hub di Termini e Ostiense dedicati ai cittadini in fuga dall’Ucraina, in cui vengono effettuati colloqui di orientamento sanitario, tamponi per la ricerca del Coronavirus e, per chi non lo avesse già eseguito, il vaccino anti-Covid; inoltre sono già state rilasciate oltre 12.700 tessere “straniero temporaneamente presente/europeo non iscritto”, associate al codice regionale stp/eni per identificare l’assistito in caso necessitasse di prestazioni erogabili dal SSN.

Nel frattempo, in Costa Smeralda sono stati congelati beni di lusso appartenenti agli oligarchi russi vicini a Putin, per un valore di 66 milioni di euro. Tra le varie proprietà, c’è anche una Mercedes Maybach S650 Guard VR10, del valore di 600mila euro, intestata alla Machina srl, divisione di una società estera il cui titolare è Alisher Usmanov, cittadino onorario del comune di Arzachena, in Sardegna da anni.

Ultime notizie