mercoledì, 18 Maggio 2022

Belgio, svolta nel mondo del lavoro: sì alla settimana di 4 giorni. Obiettivo occupazione all’80%

Si potrà lavorare 4 giorni a settimana, guadagnando una giornata in più di riposo. Una flessibilità pensata per andare incontro alle famiglie in cui ci sono genitori che lavorano.

Da non perdere

In Belgio arriva una svolta epocale nel lavoro. È stata approvata una riforma che darà la possibilità di lavorare 4 giorni a settimana, guadagnando così un’intera giornata in più di riposo. Il governo belga aveva già raggiunto alcuni accordi sullo smart working, e sul diritto alla disconnessione, permettendo così ai lavoratori di spegnere ogni tipo di dispositivo mobile al di fuori dell’orario di lavoro. I dipendenti potranno scegliere addirittura di fare più ore durante una settimana, per poi avere del tempo libero in quella successiva. Sarà sempre il lavoratore a decidere la formula più comoda per le sue esigenze. Una flessibilità pensata appositamente per andare incontro a tutte le famiglie in cui ci sono genitori che lavorano. È previsto inoltre un diritto alla formazione che verrà proposto a tutte le aziende con più di 20 dipendenti; si tratterà di un piano per ottimizzare le competenze dei lavoratori. La riforma del lavoro belga prevedrà anche sostegni per chi subirà licenziamenti. Queste misure si pongono l’obiettivo di migliorare il mercato del lavoro per arrivare ad un tasso di occupazione dell’80% entro il 2030.

L’esultanza del Governo

“Il periodo del covid ci ha costretto a lavorare in modo più flessibile, il mercato del lavoro si è dovuto adattare inevitabilmente a questo”, ha commentato il presidente del consiglio Alexander De Croo durante la conferenza stampa. “Si tratta di progressi concreti per tutti i lavoratori! Diritto concreto alla formazione; una protezione dei lavoratori delle piattaforme digitali; equilibrio tra vita professionale e privata; misure di rafforzamento dell’occupazione”, così ha twittato il ministro del Lavoro Pierre-Yves Dermagne in merito all’intesa raggiunta.

 

Ultime notizie