sabato, 28 Maggio 2022

“Uccisa dal guard rail”: due tecnici comunali a processo per la morte di una 25enne

Il giudice per le udienze preliminari ha accolto la richiesta della Procura, due responsabili dell'Unione dei Comuni del Brenta sono accusati di omicidio colposo.

Da non perdere

Due responsabili dell’Unione Comuni del Brenta andranno a processo per omicidio colposo. Così ha deciso il giudice per le udienze preliminari Domenica Garbardella, accogliendo la richiesta della Procura. La famiglia della giovane Benedetta Ciprian si costituirà parte civile. La 25enne è deceduta il 21 luglio 2020 mentre era alla guida a Carmignano del Brenta. La donna aveva perso il controllo del mezzo ed era finita contro il guard rail. La struttura era in legno e la giovane era rimasta infilzata.

La prima ipotesi è stata di incidente mortale. Poi il pubblico ministero Luisa Rossi ha richiesto nuove indagini alla Polizia Locale. Così ieri il Gup ha deciso il processo per Ennio Bonollo, supervisore dei lavori e responsabile dei rapporti con i fornitori e Lino Brugnaro, responsabile dell’unità operativa per i lavori pubblici e per la manutenzione. Entrambi lavoravano per l’Unione dei Comuni del Brenta. Secondo l’accusa, anche se l’auto della ragazza aveva gli pneumatici sgonfi, non c’erano stati i lavori per un guard rail più sicuro. Il processo si terrà nel 2023.

Ultime notizie