domenica, 29 Maggio 2022

Obtorto Colle

Il Capo dello Stato non cambia e Mattarella resta al Colle succedendo a sé stesso, come Napolitano. Fratelli d'Italia vota per l'ex toga Carlo Nordio.

Da non perdere

Il segretario della Lega: “L’importante è che Mattarella non sia percepito come un ripiego“. Tradotto: si profila un Mattarella-bis. Ancora Salvini: “Una parte del Parlamento non vuole trovare un accordo, allora chiediamo a Mattarella di restare, e così la squadra resta così, Draghi resta a Palazzo Chigi”. Nel frattempo uno dei possibili candidati, l’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, si defila: “Chiedo al Parlamento di togliere il mio nome da ogni discussione e di chiedere al presidente della Repubblica Mattarella la disponibilità a continuare il suo mandato nell’interesse del Paese”. Analogo il tenore di una dichiarazione attribuibile a Mario Draghi, il quale avrebbe chiesto all’attuale Capo dello Stato di rimanere a Palazzo del Quirinale “per il bene e la stabilità del Paese”.

La seduta è convocata alle 16.30. Questi i risultati di quella avviata alle 9.30: Mattarella 387 voti, bianche 60, Carlo Nordio, ex magistrato sostenuto da Fratelli d’Italia, 64, 380 gli astenuti. Nemmeno oggi manca Alessandro Barbero e spunta la novità Riccardo Muti, direttore d’orchestra. Così sembra tramontata la possibilità di “una donna al Quirinale”, per citare il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte.

Dopo circa quattro ore e mezzo termina l’ottava e definitiva seduta. Nordio sale a 90 preferenze, mentre Mattarella, con 759 voti, diventa il 13° presidente della Repubblica e successore di sé medesimo. Stessa sorte toccò a Giorgio Napolitano, eletto per la seconda volta consecutiva il 20 aprile 2013.

Ultime notizie