martedì, 19 Ottobre 2021

Elezioni in Germania, affluenza ed exit poll

Dalle 8 alle 18 di oggi 60,4 milioni di tedeschi sono chiamati alle urne per scegliere il nuovo Bundestag dopo la fine dell'era Merkel

Da non perdere

Dalle 8 di questa mattina alle 18, 60,4 milioni di cittadini tedeschi sono chiamati alle urne per rinnovare il Bundestag. Gli elettori hanno votato con metodo uninominale per l’elezione di 299 parlamentari e secondo un sistema proporzionale con soglia di sbarramento per scegliere un partito politico tra le 47 liste presentate.

In corsa per la cancelleria ci sono Annalena Baerbock, leader dei Verdi; il cristianodemocratico Armin Laschet, presidente della CDU/CSU, l’Unione Cristiano-Democratica di Germania; Olaf Scholz, ex sindaco di  Amburgo e ministro federale delle Finanze del governo Merkel IV, candidato dei socialdemocratici. Per la prima volta dopo 16 anni non sarà possibile barrare sulla scheda elettorale il nome di Angela Merkel, che abbandona il suo incarico ponendo fine a un’era di pragmatismo e prosperità.

Secondo le prime proiezioni, l’affluenza alle urne fino alle 14 è stata del 36,5%, quasi il 5% in meno rispetto alle elezioni del 2017. Non sono però stati inclusi nel conteggio i voti arrivati per posta. Secondo i media tedeschi, a pesare sullo scarso afflusso dei votanti non ci sono solo il coronavirus e la data scomoda (pare che molti cittadini tedeschi siano ancora in vacanza), ma anche il fatto che le elezioni si siano scolte ancora “utilizzando un foglio di conteggio al seggio elettorale. La fusione dei dati è un sogno del futuro“. La pandemia ha fatto notevolmente salire la percentuale di elettori che hanno deciso di affidare il loro voto al servizio postale, da meno del 5% al 28,6%. Il voto per posta è stato attivato già da diverse settimane, ma le schede devono arrivare entro la chiusura dei seggi. Circa 140mila lettere di voto sarebbero state consegnate ai rispettivi uffici elettorali in tempo per lo scrutinio e, addirittura, una lettera elettorale sarebbe arrivata in traghetto a Helgoland.

Le prime proiezioni ARD, principale gruppo radiotelevisivo pubblico tedesco, il Partito Socialdemocratico di Germania SPD guadagna il 25,8% dei voti, l’unione di centro-destra CDU/CSU il 24,2; seguono i Verdi con il 14,7%, il Partito Liberale Democratico FDP e Alternativa per la Germania AfD con il 10,1% e la Sinistra 5%.

Secondo la rete Zweites Deutsches Fernsehen ZDF, potrebbero esserci possibili coalizioni tra i partiti attualmente in possesso di più seggi, SPD, Verdi e liberali.

Ultime notizie