lunedì, 2 Agosto 2021

Messina, scommesse online: maxievasione fiscale da 85 milioni di euro

La società non avrebbe dichiarato al fisco italiano oltre 85 milioni di euro di ricavi, per un totale di imposte dirette evase pari ad oltre 3,5 milioni di euro.

Da non perdere

A Malta, la Guardia di Finanza ha eseguito un decreto di sequestro di beni del valore di 3,5 milioni di euro, nei confronti del legale rappresentante di una società maltese. Secondo le indagini aveva stabilito, a Messina, una stabile organizzazione che avrebbe esercitato abusivamente l’attività di raccolta delle scommesse online e che non avrebbe dichiarato ricavi per 85 milioni di euro.

La società, mediante diversi portali web dedicati, ritenuti riconducibili a plurimi marchi, già colpiti da specifici provvedimenti di inibizione da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, era risultata operare, sulla base di apposite concessioni rilasciate da Autorità estere e non valide in Italia, la raccolta di giochi pubblici a distanza e scommesse tramite rete fisica, avvalendosi di centri trasmissione dati e punti vendita ricarica.

Gdf, maxievasione

Ditte individuali giuridicamente autonome operavano, in realtà, quali centri per la ricezione di proposte di scommessa, pubblicizzando nei confronti dei clienti scommettitori il palinsesto della società mandante maltese, contribuendo in tal modo alla raccolta delle scommesse sul territorio nazionale per conto della casa-madre estera.

La società non avrebbe dichiarato al fisco italiano oltre 85 milioni di euro di ricavi, per un totale di imposte dirette evase pari ad oltre 3,5 milioni di euro.

Ultime notizie