martedì, 3 Agosto 2021

Euro2020, sale l’attesa per Italia-Spagna

Mancini si affiderà al classico 4-3-3, lavoro differenziato per Belotti e Toloi.

Da non perdere

Meno di 36 ore alla sfida tra Italia e Spagna, una rivincita della finale di Euro 2012 con vista su un altro atto conclusivo, quello di domenica 11 luglio a Wembley. Le due squadre si affronteranno domani alle 21:00 per la quarta volta di fila in una fase finale di un europeo.
Pesa la tegola Spinazzola, con l’esterno giallorosso volato in Finlandia per l’operazione al tendine d’Achille, rotto in occasione del quarto di finale contro il Belgio, che verrà sostituito da Emerson Palmieri, con mister Mancini che si affiderà ancora al 4-3-3 senza snaturare la sua filosofia di gioco.
Prende sempre più piede l’intenzione di confermare il tridente offensivo composto da Chiesa, Immobile e Insigne, Jorginho completerà il centrocampo della coppia Barella – Verratti, allenamento differenziato in palestra per il gallo Belotti e Toloi.

Intervistato da Sky Sport il difensore Cesar Azpilicueta, fresco vincitore della Champions League con il Chelsea, ha sottolineato i progressi dell’Italia: “L’Italia è una Nazionale forte che sta ottenendo ottimi risultati, ha cambiato stile di gioco e cerca di tenere il pallone e di giocarlo di più. È una squadra molto difficile da affrontare”.
Il classe ’89 ha poi proseguito: “Dagli allenatori italiani ho imparato davvero tanto. Ciò che ricordo è il carattere competitivo e il lavoro che ognuno portava con la sua idea di gioco: avevano tutti filosofie di gioco differenti, ma la stessa meticolosità nel lavoro quotidiano”.

Dello stesso parere Sergio Ramos, storico capitano della generazione d’oro spagnola: “Gli italiani hanno sempre quel pizzico di esperienza in più, sanno giocare e gestiscono sempre molto bene i piccoli dettagli in questo tipo di partite”.

Ultime notizie