mercoledì, 4 Agosto 2021

Smantellata cellula nazi-fascista tra Milano e Trieste: 4 in manette

Restrizione della libertà per quattro membri di un'organizzazione nazi-fascista a Milano e Trieste.

Da non perdere

Facevano parte di un gruppo clandestino chiamato “A.R. Avanguardia Rivoluzionaria” di chiara matrice neo-fascista i quattro arrestati quest’oggi dalla Digos della Questura di Milano. Dell’organizzazione in questione, messa in piedi tra il capoluogo lombardo e Trieste, i protagonisti affiliati non hanno che vent’anni, tutti accomunati e rinsaldati da un vincolo di adesione a modelli suprematisti americani, secondo cui bisognerebbe auspicare all’instaurazione di un regime di stampo neonazi-fascista che stravolga l’ordine mondiale, ponendo come basi ideologiche l’odio razziale, la violenza e la discriminazione etnica.

Emblematiche alcune vere e proprie icone di questa organizzazione, fortunatamente sgominata dalla Polizia di Stato, a cui questi ragazzi dicono di ispirarsi, come quella di Anders Breikvik, fautore dell’eccidio di Utoya nel 2011; allo stesso tempo, il sodalizio elvetico “Junge Tat”, instaurato da uno dei membri a maggio, ha visto lo stesso coinvolto in una rappresaglia antifascista, rivolta a contenere questi movimenti estremi.

Le braci del fascismo e del nazismo, tutt’altro che spente, dunque, continuano a bruciare, seppur silenziosamente, non meno pericolose di un tempo.

Ultime notizie