mercoledì, 27 Ottobre 2021

FMI ottimizza le stime del Pil d’Italia: nel 2021 cresce del 4,3%, nel 2022 +4%

Il Fmi preannuncia un deficit all'11,8% e un debito al 159,9%, affermando che "una robusta ripresa è attesa per il 2021 sostenuta dalla campagna per le vaccinazioni, anche se restano incertezze"

Da non perdere

Quest’anno il Pil (Prodotto interno lordo) crescerà del 4,3% e nel 2022 sarà un +4%. Il FMI innalza le stime di crescita d’Italia.

Il Fondo Monetario Internazionale aveva supposto, per l’anno 2021, lo sviluppo del 4,2%, mentre quello del 2022 doveva essere del 3,6%. Il FMI, nel comunicato per l’Article Iv d’Italia sul termine delle consultazioni del 2021, dichiara che l’outlook economico è direttamente proporzionale all’evoluzione della pandemia a causa del Covid-19, “all’entità dei cambiamenti strutturali, e all’efficacia delle politiche economiche e sanitarie”.

Per quest’anno, il Fmi preannuncia un deficit all’11,8% e un debito al 159,9%, affermando che “una robusta ripresa è attesa per il 2021 sostenuta dalla campagna per le vaccinazioni, anche se restano incertezze”. I sostegni “saranno necessari fino a quando” la risalita non sarà stabile.

Sempre secondo il Fondo, la politica di bilancio dovrebbe proseguire a compiere il ruolo di airbag sugli effetti economici della pandemia “insieme a un credibile piano di riduzione del debito pubblico nel medio termine”.

Ultime notizie