giovedì, 18 Luglio 2024

Uganda, disegno di legge condanna a morte gli omosessuali

I parlamentari in Uganda hanno approvato un controverso disegno di legge anti-LGBTQ+, che renderebbe gli atti omosessuali punibili con la morte, attirando una forte condanna da parte degli attivisti per i diritti. Martedì scorso tutti tranne due dei 389 legislatori hanno votato per il disegno di legge contro l'omosessualità, che introduce la pena capitale e l'ergastolo per il sesso gay e "reclutamento, promozione e finanziamento" di "attività" dello stesso sesso.

Da non perdere

I parlamentari in Uganda hanno approvato un controverso disegno di legge anti-LGBTQ+, che renderebbe gli atti omosessuali punibili con la morte, attirando una forte condanna da parte degli attivisti per i diritti.

Martedì scorso tutti tranne due dei 389 legislatori hanno votato per il disegno di legge contro l’omosessualità, che introduce la pena capitale e l’ergastolo per il sesso gay e “reclutamento, promozione e finanziamento” di “attività” dello stesso sesso.

Solo due parlamentari del partito al governo, Fox Odoi-Oywelowo e Paul Kwizera Bucyana, si sono opposti alla nuova legislazione.

Disegno di legge

Il disegno di legge segna l’ultimo di una serie di battute d’arresto per i diritti LGBTQ+ in Africa, dove l’omosessualità è illegale nella maggior parte dei paesi. In Uganda, un paese cristiano in gran parte conservatore, il sesso omosessuale era già punibile con l’ergastolo. Una versione precedente del disegno di legge ha suscitato diffuse critiche internazionali ed è stata successivamente annullata dalla corte costituzionale dell’Uganda per motivi procedurali. Il disegno di legge andrà ora al presidente Yoweri Museveni, che può porre il veto o trasformarlo in legge. In un recente discorso è sembrato esprimere sostegno al disegno di legge.

Il parlamentare John Musila indossava un abito con la scritta: “Say No To Homosexual, Lesbianism, Gay”.

Comunità LGBTQ+

L’omosessualità è illegale nella maggior parte dei paesi del continente africano. In una manciata di stati, i gay rischiano l’ergastolo o la pena di morte. In Uganda, un paese cristiano in gran parte conservatore, il sesso omosessuale è punibile con l’ergastolo.

Dopo aver inizialmente indicato che avrebbe potuto sostenere la mossa, il governo si è ritirato dal sostenere qualsiasi modifica alla legge dopo che i principali donatori di aiuti hanno espresso le loro preoccupazioni.

Don Wanyama, l’addetto stampa senior del presidente, Yoweri Museveni, ha dichiarato: “Abbiamo il codice penale che già gestisce le questioni di comportamento sessuale innaturale, quindi non c’è nessuna legge in arrivo”.

Reazione degli attivisti

Gli attivisti per i diritti umani condannano il disegno di legge che introduce la pena capitale e l’ergastolo.

I crimini d’odio contro i gay, tra cui aggressioni fisiche e sessuali, ricatti ed estorsioni, sono comuni in Uganda, ma la maggior parte delle vittime ha troppa paura per andare alla polizia, secondo i gruppi per i diritti umani.

Gli attivisti affermano che le leggi esistenti vengono utilizzate anche per discriminare le persone LGBTQ+, rendendo loro più difficile ottenere un lavoro o una promozione, affittare un alloggio o accedere ai servizi sanitari e educativi. Molti fuggono nei paesi vicini dove la discriminazione, sebbene ancora acuta, è meno grave.

Il disegno di legge è mal concepito, contiene disposizioni incostituzionali, annulla i progressi registrati nella lotta contro la violenza di genere e criminalizza gli individui invece di comportamenti che contravvengono a tutte le norme legali conosciute, inoltre non introduce alcun valore aggiunto al libro degli statuti e al quadro legislativo disponibile, ha affermato Odoi-Oywelowo.

Dichiarazioni

Gli attivisti per i diritti umani hanno condannato la nuova mossa per emanare la dura legge, descrivendola come “legislazione dell’odio”.

Oggi segna un tragico giorno nella storia dell’Uganda. @Parliament_Ug ha approvato una legislazione che promuove l’odio e cerca di privare le persone LGBTQ+ dei loro diritti fondamentali – ha twittato Sarah Kasande, avvocato di Kampala e attivista per i diritti umani.

“Le disposizioni del disegno di legge contro l’omosessualità sono barbare, discriminatorie e incostituzionali”, ha affermato.

Ha aggiunto: “Per la comunità LGBTQ+, so che questo è un giorno difficile, ma per favore non perdete la speranza. La battaglia non è finita; questo disegno di legge ripugnante alla fine sarà annullato.

L’attivista gay Eric Ndawula ha twittato: “Gli eventi di oggi in parlamento non sono solo immorali, ma un completo assalto all’umanità. È spaventoso che il giudizio dei nostri parlamentari sia offuscato dall’odio e dall’omofobia. A chi giova questa legge draconiana?

Più di 110 persone LGBTQ+ in Uganda hanno riferito di incidenti tra cui arresti, violenze sessuali, sgomberi e svestizione pubblica al gruppo di difesa delle minoranze sessuali Uganda (Smug) nel solo mese di febbraio. Le persone transgender sono state colpite in modo sproporzionato, ha affermato il gruppo.

Ultime notizie