martedì, 5 Marzo 2024

Mattarella conferisce l’incarico, Giorgia Meloni nuovo premier: ecco la lista dei ministri

Dopo un'ora di colloqui col Capo dello Stato Giorgia Meloni ha presentato la lista dei ministri che formano il nuovo esecutivo. Matteo Salvini vicepremier. Raffaele Fitto agli Affari europei e Pnrr.

Da non perdere

Giorgia Meloni è stata ufficialmente incaricata Presidente del Consiglio dal Capo dello Stato Sergio Mattarella: toccherà a lei formare e traghettare il nuovo Governo. L’onorevole ha accettato l’incarico senza riserva, il giuramento si terrà al Palazzo del Quirinale, domani mattina, sabato 22 ottobre, alle ore 10. La leader di Fratelli d’Italia, prima donna a guida dell’Italia, ha lasciato la Camera ed è salita al Palazzo del Quirinale poco prima delle 16:30, dove ha avuto un colloquio di oltre un’ora con il Presidente della Repubblica. Questa mattina, 21 ottobre, Mattarella ha consultato al Colle le delegazioni del centrodestra di Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e Civici d’Italia–Noi moderati (Udc, Coraggio Italia, Noi con l’Italia, Italia al Centro)-Maie; un incontro lampo durato appena 11 minuti. La coalizione aveva già indicato all’unanimità l’onorevole Giorgia Meloni come premier alla guida di questa XIX legislatura.

“È necessario formare il Governo il più presto possibile. Noi siamo pronti, il centrodestra ha indicato me come premier“, si è espressa così la leader di FdI dopo le consultazioni con il Capo dello Stato. Subito dopo le consultazioni i rappresentanti della coalizione hanno confermato il loro appoggio alla presidente di Fratelli d’Italia. “Daremo al nostro Paese un Governo forte e coeso”, ha scritto su Twitter Silvio Berlusconi. “Pronti a prendere in mano il nostro splendido Paese”, chiaro e sintetico anche il commento di Matteo Salvini. “Non voteremo la fiducia al Governo Meloni, ma faccio il tifo per l’Italia”, ha ribadito Matteo Renzi, leader di Italia Viva e rappresentante del Terzo Polo. “Siamo e saremo sempre all’opposizione, ma non rinunciamo a sostenere il nostro Paese”, ha aggiunto.

Colloquio al Quirinale tra Mattarella e Meloni – fonte Twitter

Lista dei ministri

La nuova premier ha presentato l’elenco dei ministri.

Ministro Rapporti per il Parlamento – Luca Ciriani
Ministro dell’Economia e delle Finanze – Giancarlo Giorgetti
Ministro degli Esteri e Cooperazione Internazionale – vicepresidente del Consiglio – Antonio Tajani
Ministro della Difesa – Guido Crosetto
Ministro dell’Interno – Matteo Piantedosi
Ministro della Giustizia – Carlo Nordio
Ministro Ambiente e Transizione Ecologica – Gilberto Pichetto Fratin
Ministro Imprese e Made in Italy – Adolfo Urso
Ministro della Pubblica Amministrazione – Paolo Zangrillo
Ministro delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili –  vicepresidente del Consiglio – Matteo Salvini
Ministro dell’Agricoltura e Sovranità Alimentare – Francesco Lollobrigida
Ministro per le Riforme Istituzionali – Maria Elisabetta Casellati
Ministro degli Affari Regionali e Autonomie – Roberto Calderoli
Ministro dell’Università e della Ricerca – Annamaria Bernini
Ministro del Lavoro – Marina Calderone
Ministro della Cultura – Gennaro Sangiuliano
Ministro della Famiglia, Natalità e Pari Opportunità – Eugenia Maria Roccella
Ministro della Disabilità – Alessandra Locatelli
Ministro dello Sport e Politiche Giovanili – Andrea Abodi
Ministro della Salute – Orazio Schillaci
Ministro dell’Istruzione – Giuseppe Valditara
Ministro del Turismo – Daniela Santanchè
Ministro per gli Affari Europei, Politiche di Coesione e Pnrr – Raffaele Fitto
Ministro per le Politiche del Mare e il Sud – Sebastiano Musumeci
Sottosegretario Presidenza del Consiglio – Alfredo Mantovano

Draghi: “Come andranno le cose senza di me? Non alimenterei nostalgie esagerate”

L’Italia è un Paese molto forte e ha mostrato molta potenza e credibilità. Guardiamo a dati degli ultimi due anni. La crescita combinata è sul 10%. Il rapporto debito/Pil è stato ridotto di otto, nove punti. L’economia dell’Italia è andata molto bene Ora sta entrando in un periodo più difficile ma ci sta entrando con un punto di partenza molto solido”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio uscente Mario Draghi, al termine del Consiglio europeo che si è tenuto oggi a Bruxelles. “Come andranno le cose senza Draghi? Non alimenterei, come non ho mai fatto, nemmeno nel passato, queste nostalgie esagerate“.

Ultime notizie