mercoledì, 17 Luglio 2024

Orrore a Parigi, cadavere di una 12enne trovato in un baule: sul corpo le cifre “1” e “0”

A Parigi è stato trovato il cadavere di una 12enne dentro un baule. Sul corpo sono state apposte le cifre "1" e "0". Indagata una senzatetto algerna.

Da non perdere

Venerdì 14 ottobre è stato trovato a Parigi, all’interno di un baule, il corpo senza vita di una 12enne. La vittima, una studentessa di nome Lola, secondo le prime indagini sarebbe stata vittima di rapimento, stupro, tortura e assassinio. Il baule è stato trovato da un clochard poco prima di mezzanotte di fronte a un palazzo situato nel XIX arrondisement, dove abitava la ragazza. La Polizia ha arrestato quattro persone, tra cui una senzatetto algerina che è stata ripresa dalle telecamere venerdì mentre parlava con Lola proprio davanti al portone di casa per poi allontanarsi con lei.

Le indagini della Procura

Non essendo Lola tornata a casa dopo la giornata di scuola, la famiglia ha denunciato la scomparsa della ragazza nella stessa giornata di venerdì. Il cadavere della studentessa si trovava all’interno di un contenitore di plastica, rinvenuto nel baule lasciato sotto il palazzo e notato dal clochard. Le braccia e le gambe della bambina erano legate, la testa quasi mozzata; secondo la tv Bfm, da alcune fonti dell’inchiesta sarebbe emerso che al momento del ritrovamento il corpo mostrava due cifre, “1” e “0”, apposte con l’aiuto di qualche strumento. Grazie al video ripreso delle telecamere gli inquirenti hanno potuto accertare che la bambina si è recata nell’androne del palazzo ed è stata fermata da una donna; questa è riuscita a convincere Lola a seguirla e ad allontanarsi con lei. Più tardi un’altra donna, probabilmente la stessa, chiede a un passante di aiutarla a trasportare verso un’auto una pesante valigia. Si tratta di una senzatetto algerina, inserita dalla Polizia tra le quattro persone indagate.

Ipotesi stupro, tortura e assassinio

La Procura ha ipotizzato i reati di stupro, tortura e assassinio. Secondo alcune fonti vicine alle indagini Lola sarebbe stata soffocata e sgozzata. La principale indiziata è la senzatetto algerina; la donna, 24enne, si chiama Dahbia e avrebbe precedenti psichiatrici. Da quanto emerge dai primi accertamenti, non risulta un vero movente alla base del delitto. Altri due uomini, oltre a Dahbia, sono adesso in stato di fermo; potrebbero aver interagito in qualche modo con la donna. L’autopsia avrebbe confermato la morte della bambina per asfissia.

Ultime notizie