giovedì, 29 Settembre 2022

Serie A, conclusa la 4a giornata: Atalanta e Roma in vetta alla classifica

Nella 4a giornata di Serie A 22/23 è successo di tutto. Dando uno sguardo alla classifica, Atalanta e Roma spiccano al vertice con 10 punti, a seguire l'Inter con 9.

Da non perdere

Si gioca ogni 72 ore e l’intensità sta aumentando, pian piano tutti i giocatori sono entrati nei meccanismi della propria squadra e il livello dei match è sempre più alto. Siamo alla 4a giornata di Serie A 22/23, lo spettacolo è appena iniziato e, con la chiusura del calciomercato, ne vedremo delle belle. Ecco tutti i risultati da martedì all’ultima partita di ieri sera.

Sassuolo-Milan 0-0

Giornata che mette subito alla prova il Milan, proprio con il Sassuolo e proprio al Mapei Stadium, qui dove il 22 maggio scorso i rossoneri si proclamavano Campioni d’Italia per la 19esima volta in Serie A. Partita dal gusto amaro per gli ospiti che si trovano a dover attaccare, con i neroverdi ben chiusi in difesa ma veloci nel contropiede, tant’è che al 22′ Kyriakopoulos viene steso in area di rigore da Saelemaekers. Dal dischetto va Berardi che si fa neutralizzare il tiro angolato da un reattivo Maignan. Nella seconda frazione la musica non cambia, Milan che spinge e Sassuolo che si difende e prova a ripartire. Partita che non si sblocca e termina sul punteggio di 0-0.

Inter-Cremonese 3-1

Sempre martedì, sempre una milanese, stavolta di sera, l’Inter di Simone Inzaghi mette subito in chiaro le cose contro la neopromossa Cremonese, prima con Correa al 12′ che, su respinta dell’ex Radu, a porta vuota la appoggia dentro e poi con l’Eurogol al limite dell’area di Barella al volo su assist di Chalanoglu. Primo tempo che finisce 2-0. Nella seconda frazione di gioco, i neroazzurri sembrano accontentarsi del risultato, gestiscono il possesso e non rischiano molto. Inzaghi non ci sta e inserisce Lautaro che impiega 10 minuti a portare sul 3-0 il match. Nel finale Okereke si inventa un gol splendido a giro, Handanovic immobile non può arrivarci. 3-1 e ritorno alla vittoria per l’Inter, Cremonese ancora a 0 punti.

Roma-Monza 3-0

Netto 3 a 0 della Roma all’Olimpico contro il Monza di Berlusconi. Nel primo tempo Dybala tira fuori tutta la sua classe e si sblocca in questa stagione mettendo a segno una doppietta. I brianzoli provano a rendersi pericolosi tenendo molto il pallone ma non riescono mai a sfondare. Su calcio d’angolo al 61′ ci va Pellegrini che pennella per Ibanez che chiude il match. Roma prima e Monza ancora a 0 punti come la Cremonese, le uniche ancora a secco.

Empoli-Verona 1-1

Al Castellani di Empoli partita con poche vere occasioni pericolose, passa in vantaggio al 26′ l’Empoli con un ispirato Baldanzi che dalla distanza mette a segno il suo primo gol in Serie A. Al gioiellino di mister Zanetti risponde con i cambi giusti Cioffi, al 69′ pareggia i conti il Verona con il gol all’esordio di Kallon, ex Genoa. Un punto per entrambe e terzo consecutivo per l’Empoli.

Sampdoria-Lazio 1-1

Dopo il successo inaspettato per 3-1 contro l’Inter, la Lazio vuole ripetersi al Marassi contro la Samp e ci prova subito con il solito Immobile che crea e si rende pericoloso. L’1-0, però, arriva su invenzione di tacco di Milinkovic-Savic che manda in porta a tu per tu Immobile che buca con un tiro rasoterra Audero. Biancocelesti che resistono fino al 92′, quando Rincon recupera palla a metà campo e imbuca per Gabbiadini che nella frazione di 1 secondo controlla e calcia beffando Provedel. 1-1 e classifica che continua a muoversi.

Udinese-Fiorentina 1-0

Partita povera di occasioni, l’Udinese sfrutta il pressing e il buon lavoro offensivo dei suoi per portarsi in vantaggio, Deulofeu ruba palla a Venuti al limite dell’aria, punta e si invola servendo alla sua punta Beto il pallone più facile da insaccare. Fiorentina che non reagisce e perde punti importanti. Con la vittoria i friulani si portano al 9′ posto in classifica superando i viola 11esimi.

Juventus-Spezia 2-0

La Vecchia Signora vuole continuare a vincere e quando hai un Vlahovic così è difficile non farlo. L’attaccante ex viola ci riprova da punizione e sforna un altro gol meraviglioso col suo sinistro preciso e potente. Gli uomini di Allegri continuano a tenere il possesso senza rischiare e creano qualche buona occasione, lo Spezia non molla mai e porta il risultato in bilico fino al 92′, quando il nuovo arrivato Milik, dopo solo 5 minuti circa dal suo ingresso in campo, su assist dalla destra del giovane Miretti, controlla e si gira perfettamente scaricando col sinistro il pallone in rete. Raddoppio Juve e match ai titoli di coda. Juventus a meno 2 dalla vetta, e Spezia a 4 punti.

Napoli-Lecce 1-1

Al Maradona, il Napoli ospita il Lecce in cerca del secondo punto stagionale. I pugliesi partono forte e al 22′ Di Francesco si fa atterrare dal nuovo arrivato Ndombele, il rigore lo batte l’ex Milan Colombo che angola a destra ma intuisce e para Meret. Pochi minuti più tardi il Napoli reagisce e su tiro debole e impreciso di Politano col destro ci arriva Elmas che la butta in rete. Vantaggio che dura poco, al 31′ ancora Colombo protagonista, stavolta di un gol pazzesco, gol col sinistro da fuori area, stavolta non può nulla l’estremo difensore azzurro. Succede tutto nel primo tempo, nel secondo poche occasioni, il Napoli spinge molto ma non riesce a concretizzare. Secondo pareggio consecutivo per entrambe.

Atalanta-Torino 3-1

Entrambe a 7 punti ed entrambe vogliose di vincere. Gli uomini di Gasperini creano più dei granata ma trovano il gol del vantaggio solo allo scadere del primo tempo su rigore. Soppy viene atterrato fallosamente da Ola Aina in area di rigore, sul dischetto si presenta Koopmeiners, dopo l’uscita per infortunio di Zapata, che fa 1-0 col sinistro. Nella ripresa ci pensa ancora l’olandese a raddoppiare il vantaggio, stavolta con una gran botta dalla distanza, precisa e a fil di palo, difficile per Milinkovic. Il Torino reagisce e trova il gol che riapre i conti al 77′ con il croato Vlasic. A chiudere virtualmente la partita ci pensa ancora Koopmeiners, che ancora su rigore calcia forte sullo stesso palo e si porta il pallone a casa. Atalanta prima a pari punti con la Roma a 10 punti.

Bologna-Salernitana 1-1

Ultima gara della giornata, equilibrata dall’inizio fino alla fine. Succede tutto nel secondo tempo, al 52′, dopo vari tentativi di Sansone, quest’ultimo si fa atterrare in area da Gyomber, sul dischetto si presenta il solito Arnautovic che con freddezza fa 1-0. All’88’ arriva la reazione della Salernitana che pareggia i conti con Dia, il francese sfrutta la respinta non perfetta di Skorupski e la butta in rete. Bologna ancora a 2 punti, Salernitana che sale a 5.

Ultime notizie