sabato, 1 Ottobre 2022

Olivia Newton John è morta a 73 anni, addio a Sandy di Grease

Olivia Newton John è morta all'età di 73 anni. Era Sandy in "Grease" e aveva creato la sua fondazione per combattere il cancro al seno.

Da non perdere

Olivia Newton John è morta all’età di 73 anni. Ha interpretato il ruolo di Sandy nel film “Grease” del 1978. Suo marito, John Easterling, ha voluto ricordarla come una donna tenace che non ha mai smesso di lottare contro il tumore al seno con una recidiva che si è manifestata nel 2017.  

Easterling ha voluto annunciare che Olivia è deceduta scrivendo un comunicato sugli account ufficiali:“La signora si è spenta in pace questa mattina nel suo ranch nella California meridionale, circondata dalla famiglia e dagli amici. Olivia è stata un simbolo di trionfi e speranza per oltre 30 anni, condividendo il suo viaggio con il cancro al seno. La sua ispirazione nella guarigione e l’esperienza pionieristica con la medicina delle piante continuano con il Fondo della Fondazione Olivia Newton-John, dedicato alla ricerca sulla medicina delle piante e sul cancro. Al posto dei fiori, la famiglia chiede che vengano fatte donazioni a favore della fondazione.Chiediamo a tutti di rispettare la privacy della famiglia in questo momento molto difficile.”

Olivia aveva creato la sua fondazione per trovare una cura antitumorale studiando le proprietà officinali delle piante per combattere il carcinoma. Voleva avvicinare medici e pazienti a nuove forme di terapia e per questo, sul sito ufficiale della sua fondazione, accoglie i visitatori con questa frase:“Il mio sogno è realizzare un mondo oltre il cancro. Sinceramente credo che possiamo farcela.”

Era nata in Inghilterra, a Cambridge, il 26 settembre del 1948. La sua famiglia si trasferì poi in Australia quando aveva appena 5 anni, diventandone nel corso degli anni un’autentica icona dello spettacolo. Ma è in Inghilterra che cominciò la sua ascesa, grazie al concorso per giovani talenti che premiandola lì la riportò. Era la seconda metà degli anni 60, Olivia incide il suo primo singolo per la Decca, Til You say Be Mine, conosce Cliff Richard e varca la soglia degli studi televisivi. Il suo volto dolcissimo e la sua vocalità vellutata e cristallina entrano nelle case del Regno Unito e la portano persino a un quarto posto all’Eurofestival del 1974 con il brano Love Live Love, inanellando una sequenza di piazzamenti nelle charts di tutto il Commonwealth, fino alla conquista del Grammy per I Honestly Love You quale migliore intepretazione vocale femminile. Per Olivia era pronto il salto sul palcoscenico del mondo. Che giunge, come ricordato all’inizio, con la megaproduzione cinematografica per il musical “Grease” ad opera del grande produttore Robert Stigwood, l’uomo dietro il colossale successo de La febbre del sabato sera appena un anno prima. Il film fece del quasi debuttante John Travolta di colpo un divo imitato nel passo, nel look e nella danza dai ragazzi nelle discoteche dell’intero pianeta. Una vera febbre, che crea attorno al successivo film di John un’attesa spasmodica. In Grease, Travolta rivestirà i panni di Danny Zucco, leader di una gang di rocker di Los Angeles che una volta in vacanza a Malibu si scioglie come il burro davanti al bel visino di Sandy. Il ruolo della ragazza è il più ambito da tutte le attrici aspiranti divine di fine anni 70. Le qualità vocali e l’esperienza maturata nei musical permetterà a Olivia Newton-John di vincere la corsa.

Quando il film arrivò nelle sale, il pubblico si mise in fila lungo interi isolati. Grease resta ad oggi il musical di maggior successo al botteghino della storia del cinema, come un grande successo nelle classifiche di tutto il mondo ottiene la colonna sonora, in cui spicca il vibrante duetto You Are The One (That I Want) accompagnato dalla indimenticabile sequenza del film in cui la romantica Sandy decide di conquistare il suo danny usando le maniere forti: via gli abiti da candida licealle e vai di boccoli al vento, giacca di pelle e sigaretta tra le labbra. La scena che fa anche di Olivia una celebrità mondiale.

Ultime notizie