martedì, 16 Agosto 2022

Bullet Train, il nuovo film con Brad Pitt divide la critica al Locarno Film Festival

I pareri della critica sono discordanti, ma i positivi assicurano che Bullet Train è un film godibile, ricco di scene d'azione adrenaliniche e battute ad "alta velocità".

Da non perdere

Ieri sera, al Locarno Film Festival, la critica si è divisa per Bullet Train. Il film con protagonista Brad Pitt, in uscita nelle sale italiane dal 25 agosto, ha aperto la serata e ha raccolto pareri discordanti. Prodotto da Sony Pictures e distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia, Bullet Train è un thriller d’azione folle e divertente, tratto dal romanzo del 2010 “I sette killer dello Shinkansen” di Kōtarō Isaka. David Leitch, regista di “Atomica bionda” e “Deadpool 2”, ha pensato di adattare la storia del romanzo, riunendo un gruppo di assassini, dalle caratteristiche e caratteri diversi, sotto lo stesso tetto con una missione in comune: recuperare una valigetta.

Il film è ambientato in uno dei treni proiettili di Tokyo che viaggia ad altissima velocità con tutte le comodità di tecnologie all’avanguardia. Brad Pitt, Ladybug nel film, è un killer “confuso”. L’attore spiega sul suo personaggio: “È in crisi esistenziale e ha alle spalle un esaurimento nervoso, forse anche per quello che gli è successo di negativo nel lavoro. Un assassino che, dopo un paio di mesi di terapia, pensa di avere tutte le risposte e che la sua vita possa ora tornare ad essere piena. Crede anche che le cose si possano risolvere pacificamente“. Insieme a Pitt troviamo anche Sandra Bullock, che nel film gli affida la missione pensando potesse essere della semplicità giusta per chi ritorna nel giro.

La critica però si divide: per quanto il film inizi ad un ritmo sfrenato con battute e azioni per ricordare l’alta velocità del treno, molti hanno ritenuto che diventasse sempre più prolisso e la scenografia confusa man mano che proseguiva. Altri lo hanno visto come un Kill Bill parte prima, strizzando l’occhio allo stile di Tarantino. I pareri positivi si concentrano soprattutto sulla godibilità del film, confezionato durante la pandemia, e sull’ironia che traspare dai dialoghi, insieme alle scene d’azione adrenaliniche.

Nel film, oltre ad un Brad Pitt con gli occhiali e il cappello da pescatore, ci sono anche Joey King nei panni di Prince, assassina britannica che finge di essere una mite studentessa, Aaron Taylor-Johnson che interpreta l’elegante Tangerine che viaggia insieme al suo assistito Bryan Tyree Henry (Lemon), Bad Bunny (The Wolf) e Hiroyuki Sanada (Elder).

Ultime notizie