venerdì, 19 Agosto 2022

Esce venerdì 8 luglio “L’ultimo fiore”, il nuovo album di Gaudiano

Esce venerdì 08 luglio “L’ULTIMO FIORE” (Epic/Sony Music Italy), il nuovo progetto discografico del talentuoso cantautore GAUDIANO, disponibile anche in versione fisica a partire da venerdì 15 luglio.

Da non perdere

Esce venerdì 08 luglio “L’ULTIMO FIORE” (Epic/Sony Music Italy), il nuovo progetto discografico del talentuoso cantautore GAUDIANO, disponibile anche in versione fisica a partire da venerdì 15 luglio.

L’album si presenta come il perfetto biglietto da visita di un nuovo e rinnovato GAUDIANO, più maturo e consapevole. Appassionato e instancabile, nell’ultimo anno non ha mai smesso di mettersi alla prova e cercare nuove strade su cui tracciare il proprio percorso musicale per lasciare un segno indelebile. Con questo progetto il cantautore dimostra di non aver paura di osare e di saper abbracciare sonorità eterogenee pur conservando un’identità ben precisa. Il fil rouge che lega i 10 brani è sicuramente la scrittura di GAUDIANO, tra le più incisive e autentiche del cantautorato italiano di nuova generazione, che spicca per l’immediatezza e la semplicità con cui riesce a comunicare sentimenti personali quanto condivisibili, raggiungendo anche le parti più recondite dell’anima e facendo breccia al primo ascolto.

“L’ULTIMO FIORE” si apre con “Rossetto”, in cui GAUDIANO ripercorre con la mente i ricordi di un’estate passata, memore del momento in cui il suo sguardo ha incrociato quello della persona amata. I capelli e la pelle pieni di sale, la sabbia che sporca le scarpe e la freschezza delle notti di fine stagione fanno da sfondo a un pezzo che esprime tenerezza e nostalgia per ciò che si ha vissuto.

L’amore continua a essere protagonista nel pezzo successivo, “Love story”, in cui l’artista canta di come, quando si è innamorati, ci si senta invincibili e in grado di “dare fuoco al mondo” con le proprie risate e i propri baci. È un brano carico di energia, in cui ad essere narrato è quel gioco dello stare insieme che ha regole ben precise, in cui spesso le cose vengono dette a metà e ci si prende in giro, ma in cui in fondo ci si diverte e si sta bene.

Segue “Piove veleno”, un pezzo dal ritornello vagamente latineggiante, in cui GAUDIANO mostra un lato più “cupo” di se stesso e canta di come l’amore spesso porti a lottare. Una sfida continua in cui ci si mette all’angolo e si cade al tappeto, in cui si fa la guerra per ambire poi alla pace.

Quarta traccia dell’album è invece “Oltre le onde”, il brano con cui GAUDIANO ha dato ufficialmente inizio a una nuova fase della sua carriera musicale e ha fornito un’anticipazione dell’intero progetto. Una canzone in cui chiede e fa allo stesso tempo un’importante promessa alla persona che ama: quella di rimanere sempre insieme, comunque vada, indipendentemente dallo scorrere del tempo, dei mesi e delle stagioni, perché solo così si possono affrontare le onde burrascose della vita senza lasciarsi travolgere.

Cambio di registro per “Glutine”, in cui GAUDIANO racconta di una relazione ormai in rotta di collisione, dove tutto appare grigio, vuoto e inconsistente. Quel momento in cui ci si aggrappa a ciò che di bello c’è stato, in cui si riguardano le foto dove esplodono sorrisi che ormai non ci sono più e si cerca di raccogliere i cocci di un legame ormai rotto irrimediabilmente.

Il pezzo successivo “Rimani”, uscito lo scorso anno, racconta invece con un linguaggio cinematografico una storia d’amore autentica, che fa il conto con la sfida del tempo e delle incomprensioni. Frasi dal letto, mani che si cercano e si allontanano, le valigie pronte in un angolo della casa. La frustrazione può inghiottire una coppia, ma arrivati sulla soglia, tra il conservare e il rinunciare all’amore, non c’è nulla di più umano che abbandonarsi a un “Rimani”.

La raccolta prosegue con “Stendo il cielo”, un brano romantico in cui GAUDIANO esprime il bisogno di perdersi negli sguardi e nel contatto con la persona che ama, l’unica con cui riesce davvero a essere se stesso, la sola con cui può spogliarsi di quell’armatura da indossare ogni giorno per proteggersi dalle maschere degli altri e da coloro con cui non ci si può mostrare deboli o vacillanti.

L’album non poteva non includere “Polvere da sparo”, la canzone con cui GAUDIANO ha trionfato alla 71ª Edizione del Festival di Sanremo nella sezione delle Nuove Proposte. Dedicata al papà scomparso prematuramente, più che affrontare la tematica di un lutto difficilissimo da elaborare, essa abbraccia il tema più generale del rapporto tra padre e figlio. L’eredità del primo, la cura e la forza. L’orgoglio del secondo che non vuole smettere di essere “tale”, intrappolato nella malinconia del ricordo, tra ansia e “polvere da sparo”, ma con la sensazione, seppur non del tutto consapevole, di quell’eredità paterna ormai assimilata per sempre.

Segue “100 kg di piume”, uscito lo scorso giugno.É un brano d’amore carico di energia, caratterizzato da un groove funky che strizza l’occhio alla musica anni ’80. É il racconto dei sentimenti eterogenei che possiamo provare nei confronti di noi stessi e del nostro passato. Un’altalena di emozioni, una sfida continua fatta lampi di consapevolezza, di un amore per cui vale la pena scommettere sempre.

Il progetto discografico si chiude con la title track “L’ultimo fiore, forse il brano più intimistico dell’intero album. Il pezzo si presenta come una confessione a cuore aperto in cui GAUDIANO canta il turbamento emotivo a cui la vita espone inevitabilmente: il sentirsi sballottato da un argine all’altro di un corso d’acqua che a volte sembra non si riesca a risalire, la paura di non lasciare un segno nel mondo, lo smarrimento che si prova quando si ha la sensazione che tutto sia più grande di noi. Un brano estremamente personale, quasi uno sfogo, un’esigenza di dare voce ai propri demoni in modo da esorcizzarli.

GAUDIANO porterà “L’ULTIMO FIORE” live il prossimo autunno esibendosi domenica 30 ottobre ai Magazzini Generali di Milano giovedì 03 novembre al Largo Venue di Roma. A queste date, che vanno a sostituire quelle inizialmente previste per aprile 2022 e rinviate a causa delle norme anti-Covid, si aggiungono quella di mercoledì 03 agosto all’Indiegeno Fest e di sabato 24 settembre al Teatro Giordano di Foggia.

I biglietti già acquistati rimarranno validi per le nuove date corrispondenti.

L’artista, inoltre, è attualmente protagonista a teatro di “Una volta nella vita (Once)”, spettacolo tratto dal film premio Oscar “Once” e vincitore di otto Tony Award e di un Grammy Award. Prodotto da Compagnia della Rancia e diretto da Mauro Simone, dall’11 novembre 2022 sarà in replica al Teatro San Babila di Milano e poi in tour in tutta Italia.

Ultime notizie