mercoledì, 25 Maggio 2022

Monza, incendiano i rifiuti nella notte: ultima sfida dei giovani e ha l’appicca più grosso. Beccati un 16enne e un 18enne

La Polizia ha sorpreso i due giovani di 16 e 18 anni mentre correvano in strada dopo aver appiccato un rogo a un cassonetto dei rifiuti. Cresce la preoccupazione tra i commercianti, che temono atti vandalici, furti e azioni delle baby gang.

Da non perdere

Dar fuoco ai rifiuti per strada e puntare all’incendio più grosso, questo il passatempo più in voga tra i ragazzini che si lanciano sfide anche sui social. Ma per due di loro, di 16 e 18 anni, nella notte è comparsa la scritta Game Over. Intorno alle due di notte gli agenti della Polizia di Monza hanno notato i due giovani correre in strada e attraversare in maniera pericolosa un incrocio; fermati hanno detto che stavano scappando perché avevano notato dei roghi, specificando di non essere però coinvolti. In realtà già all’inizio di aprile proprio uno di loro, il 18enne, aveva dato fuoco ad alcuni cassonetti di rifiuti; un episodio che non è rimasto isolato, e anche questa volta avrebbe incendiato, insieme ad altri componenti del gruppo, i cartoni lasciati fuori dalle abitazioni per la raccolta differenziata.

I Poliziotti hanno accompagnato i due ragazzi in Questura per essere interrogati e riaffidarli ai genitori. Per il neomaggiorenne, residente a Milano, è stato attivata la procedura della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio, mentre ancora in corso accertamenti per tutti gli altri componenti, già identificati durante i precedenti atti di vandalismo; infatti sono state danneggiate fioriere, tavoli e sedie di un bar, oltre a dare fuoco ad altri cassonetti dei rifiuti. Cresce la preoccupazione tra i commercianti, che temono atti vandalici, furti e azioni delle baby gang. “Quest’ultima tendenza è un altro sintomo delle pericolose derive comportamentali che interessano larghe frange di giovanissimi”, ha detto il Questore Marco Odorisio.

Ultime notizie