mercoledì, 25 Maggio 2022

Bergamo, con l’auto nel fiume Adda: annegata 44enne il compagno arrestato per omicidio volontario

Per gli inquirenti quanto accaduto a Fara Gera d'Adda non è stato un semplice incidente stradale. Gli uomini del Comando di Treviglio ha infatti arrestato il compagno di Romina Vento, morta annegata.

Da non perdere

Nel corso della notte di martedì 19 aprile, a Fara Gera d’Adda, nella Bergamasca una macchina è finita in acqua. A bordo del veicolo viaggiava una coppia, lei 44 anni lui 49. La donna, Romina Vento, è stata ritrovata a trecento metri dall’auto su cui viaggiava, morta annegata nel fiume Adda. Il compagno, Carlo Fumagalli è riuscito a salvarsi. Per i Carabinieri del comando di Treviglio, quello che in un primo momento sembrava un tragico incidente, adesso si è trasformato in altro. Infatti, le Forze dell’Ordine hanno arrestato Fumagalli, ritenuto responsabile di aver causato la morte per annegamento della donna. L’accusa per l’uomo è di omicidio volontario aggravato.

Le indagini

Secondo alcuni testimoni oculari, l’auto, che viaggiava a velocità sostenuta, sarebbe passata nello spazio tra due guard-rail per termine la corsa sul letto del fiume e – in un secondo momento – inabissarsi completamente. Nel momento in cui la vettura è terminata nel fiume, gli stessi hanno udito una voce femminile chiedere aiuto. Hanno poi intravisto un uomo nuotare fino alla lingua di terra che si trova in mezzo al fiume, per poi perdersi nella vegetazione presente sul luogo. I Carabinieri, dopo aver condotto le indagini per tutta la notte, hanno ricostruito l’accaduto e formulato l’ipotesi delittuosa di omicidio volontario.

Ultime notizie