domenica, 29 Maggio 2022

Guerra in Ucraina, bimbo di 2 anni morto sotto le bombe a Kiev. Ucciso un americano. Lukashenko minaccia Zelensky

La Croce Rossa parte domani per una missione di evacuazione di civili; la Francia stanzia 300 milioni di euro; la famiglia reale belga ospiterà 3 famiglie di rifugiati. Nel bombardamento a Chernihiv è morto un cittadino americano, 21 le vittime dell'attacco a Kharkiv.

Da non perdere

Mentre la guerra continua a imperversare in Ucraina, il presidente Zelensky colleziona consensi e approvazione durante le videoconferenze internazionali, come il Congresso USA ieri e il Bunderstag oggi, a cui ha preso parte esprimendo con parole dure la situazione che la nazione sta vivendo da ormai tre settimane. Dopo l’attacco di ieri al teatro di Mariupol, distrutto da una bomba russa, i soccorritori che stanno lavorando assiduamente tra le macerie parlano di sopravvissuti. Il Kiev Post ha riferito di 130 persone tratte in salvo delle centinaia rifugiate all’interno dell’edificio. Secondo il consigliere del sindaco “i rifugi anti aerei hanno tenuto. Ora stiamo ripulendo le macerie. Ci sono sopravvissuti. Non sappiamo ancora quale sia il numero delle vittime”. Il portavoce del Cremlino ha riportato alla Tass che “la firma di un accordo con l’Ucraina, dopo un negoziato chiaro su tutte le questioni, e la sua attuazione, potrebbe fermare molto velocemente gli eventi in corso in Ucraina“. Per il capo negoziatore ucraino la posizione della Federazione russa si è ammorbidita: “Stanno giudicando il mondo in modo più obiettivo e si stanno comportando in modo molto corretto”.

La risposta dell’Europa

La Croce Rossa Italiana, dopo aver partecipato attivamente al trasporto di aiuti e materiale sanitario, partirà per la prima missione di evacuazione di civili. Domani, 18 marzo, un convoglio si muoverà da Roma a Leopoli per trasferire in Italia più di 60 persone fragili, come anziani, bambini e diversamente abili. In concomitanza con questo evento, il presidente CRI si recerà a Vinnytsia e Chernivtsi per accogliere le richieste e le esigenze della Croce Rossa Ucraina. Il ministro degli Esteri francese, in una telefonata col ministro degli Esteri ucraino Kuleba, ha espresso la volontà della Francia di stanziare 300 milioni di euro per aiutare finanziariamente l’Ucraina. Intanto il presidente bielorusso, Aleksander Lukashenko, durante un’intervista a un’emittente televisiva giapponese ha affermato: “Se solo l’Ucraina continua la sua escalation contro la Bielorussia, allora risponderemo”. Intanto arriva dalla famiglia reale del Belgio la disponibilità di accogliere tre famiglie ucraine in due delle loro case, dopo che il re Filippo ha assistito ai racconti delle donne e dei bambini durante una visita a un centro di registrazione dei rifugiati, che hanno provocato in lui una forte commozione.

La stima delle vittime dal 24 febbraio a oggi

In un post sul canale ufficiale Telegram del presidente ucraino, Zelensky ha posto ancora una volta l’accento sulle vittime più indifese: “Gli occupanti hanno ucciso 108 bambini. Al centro dell’Europa, nel nostro Paese, nel 2022. Mi rivolgo al Bundestag tedesco dopo numerosi incontri, negoziati, dichiarazioni e richieste. Dopo i passaggi a sostegno, alcuni dei quali in ritardo. Dopo le sanzioni, che ovviamente non bastano a fermare questa guerra. E dopo aver visto quanti legami hanno ancora le tue aziende con la Russia. Con uno stato che usa te e alcuni altri paesi per finanziare la guerra.” Tuttavia le stime dell’Onu aggiornate a questa mattina parlano di 780 vittime documentate dall’inizio dell’invasione, di cui 58 minorenni. L’Onu sta anche portando avanti una verifica riguardante il numero dei feriti, che al momento sembrerebbero ammontare a 1.252. L’agenzia ci ha tenuto a precisare che il numero dei morti potrebbe essere molto più alto, ma che sta tenendo conto solo dei casi che ha potuto verificare autonomamente. Tra le numerose vittime dei bombardamenti di Chernihiv, è rimasto ucciso anche un cittadino americano. Secondo quanto riportato da ‘Ukrainska Pravda’, a seguito di un raid aereo russo a Merefa, città della regione di Kharkiv, sono state uccise 21 persone e 25 sono rimaste ferite, di cui 10 in gravi condizioni.

Bimbo di 2 anni morto in bombardamento vicino Kiev

Nel bombardamento del villaggio di Novi Petrivtsi, vicino Kiev, un bimbo di due anni è rimasto ucciso, 4 persone sono rimaste ferite. Lo rende noto la Polizia della capitale ucraina. La denuncia, ancora una volta, parla di truppe russe che sparato contro le abitazioni facendo uso di artiglieria pesante. “Un palazzo è stato distrutto, le case nei pressi sono state danneggiate. Al momento siamo a conoscenza della morte di un bambino di due anni e di quattro persone ferite”, si legge in un post su Facebook

Ultime notizie