lunedì, 27 Giugno 2022

Coppa Italia, Sensi decide una partita folle a San Siro: 3-2. Il Sassuolo elimina di misura il Cagliari

Partita pazza a San Siro dove l'Inter va in svantaggio e poi completa la rimonta ai supplementari grazie alla rete del 3 a 2 di Sensi, promesso sposo della Sampdoria. Nel pomeriggio il Sassuolo elimina il Cagliari con un goal di Harroui.

Da non perdere

Dopo le vittorie di Lazio e Juventus rispettivamente contro Udinese e Sampdoria, è ancora tempo di ottavi di Coppa Italia con il Sassuolo che affronta il Cagliari e l’Inter impegnata a San Siro contro l’Empoli.

Alle 18:00 è il Sassuolo a raggiungere i quarti di finale dove affronterà la Juventus dopo aver battuto di misura 1 a 0 il Cagliari. I padroni di casa non avevano mai superato gli ottavi nelle precedenti cinque partecipazioni alla competizione e per invertire il trend i neroverdi partono subito in modo aggressivo sfiorando il goal al 4′ minuto con un tiro di Raspadori bloccato da Radunovic e sbloccando il risultato al 18′ con un piattone al volo di Harroui su cross dalla destra di Rogerio. Scamacca e Raspadori mettono più volte in difficoltà la difesa sarda ma la squadra di Mazzarri prova a rispondere con le iniziative di Zappa sulla fascia e i centimetri di Pavoletti in area di rigore dando vita ad un primo tempo molto equilibrato. La ripresa si apre con due reti annullate al Cagliari prima per la posizione di fuorigioco di Dalbert e poi per quella di Nandez, autore dell’assist a Pavoletti. La squadra di Dionisi non rischia più, anzi va vicino al raddoppio con Defrel e Scamacca ma l’imprecisione e la grande prestazione dell’estremo difensore avversario congelano il risultato sull’ 1 a 0.

Alle 21:00, partita folle a San Siro dove un grandissimo Empoli complica i piani qualificazione ai quarti dell’Inter. Alla fine sono i nerazzurri ad imporsi 3 a 2 in rimonta ai supplementari grazie ad una rete del partente Sensi. Corposo il turnover delle due squadre che scelgono di far riposare gli uomini migliori considerati i tanti impegni ravvicinati ma Inzaghi deve subito fare a meno di Correa che dopo cinque minuti è costretto ad abbandonare il campo per un sospetto risentimento muscolare ai flessori della coscia sinistra. Al suo posto entra Sanchez che conferma l’incredibile stato di forma in quanto impiega solo pochi minuti per incidere sul match: al 13′ uno-due tra Dumfries e Vidal che fa correre l’olandese sulla fascia, cross in area per l’attaccante cileno che di testa è bravo a mettere in rete rompendo l’equilibrio. Alla mezz’ora ci provano ancora i nerazzurri con Vidal che recupera palla sulla trequarti, Gagliardini serve Lautaro che calcia due volte verso la porta ma in entrambe le occasioni trova l’ottima risposta di Furlan.

Nella ripresa pronti via e Ranocchia di testa manda di poco alto sulla traversa; pesano, però, i tanti cambi di formazione soprattutto in fase di costruzione della manovra e nella copertura del campo con il centrocampo nerazzurro che si espone spesso ai contropiedi della squadra toscana e proprio in uno di questi nasce il pareggio della squadra di Andreazzoli al 61′: cross in area di Asllani, stop di petto e conclusione di Bajrami a battere Radu. Servono gli ingressi di Barella, Calhanoglu e Perisic per risvegliare l’Inter che torna a farsi pericolosa con Sanchez e Dumfries.

Al 71′ l’arbitro concede un calcio di rigore all’Empoli poi annullato dal Var ma gli ospiti si portano clamorosamente in vantaggio al 76′ con un colpo di testa di Cutrone che colpisce la traversa e si infila in porta carambolando sul portiere nerazzurro. Al 90′ arriva il pareggio dell’Inter con Ranocchia che raccoglie la sponda di Dumfries e batte il portiere avversario con una mezza rovesciata allungando la partita ai tempi supplementari. Al 105′ ci pensa Sensi a completare la controrimonta nerazzurra: Sanchez vede l’inserimento del centrocampista, promesso sposo della Sampdoria, che stoppa e calcia all’angolino. Nel secondo tempo supplementare l’Inter gestisce il risultato e si qualifica ai quarti dove affronterà la vincente di Roma-Lecce.

Ultime notizie