giovedì, 2 Dicembre 2021

Migranti al confine con la Bielorussia: cannoni ad acqua e lacrimogeni sui profughi

I profughi sono esasperati, lanciano oggetti contro la Polizia polacca. Le autorità rispondono con cannoni ad acqua e lacrimogeni. Secondo Varsavia, la Bielorussia sta fornendo ai migranti granate sonore da lanciare contro i soldati e le guardie di frontiera.

Da non perdere

Le forze di sicurezza polacche stanno usando cannoni ad acqua e lanciando gas lacrimogeni sui migranti al confine bielorusso, dove migliaia di persone si sono radunate nel tentativo di raggiungere l’Unione europea. I filmati, condivisi da un portavoce del governo polacco e dal ministero della Difesa, mostrano un’ulteriore escalation della crisi alla frontiera, dove i migranti si sono riuniti in numero crescente dalla parte bielorussa negli ultimi giorni. I profughi esasperati hanno iniziato a lanciare oggetti, tra cui bottiglie e trinchi di legno contro i soldati polacchi e hanno tentato di sfondare la recinzione. Secondo quanto dichiarato dal ministero della Difesa di Varsavia in un tweet, le autorità bielorusse avrebbero fornito ai migranti granate sonore da lanciare contro i soldati e le guardie di frontiera.

Le autorità polacche riferiscono che più di 20mila agenti di polizia, della guardia di frontiera e dell’esercito stanno rafforzando il confine, dove i migranti si sono radunati vicino alla città polacca di Kuznica. Circa 4mila migranti si trovano al confine e molti affermano che le autorità bielorusse non consentono loro di tornare a Minsk. Per l’Unione Europea la Bielorussia sta effettivamente incoraggiando i profughi ad attraversare il confine per vendicare le sanzioni inflitte al paese di Lukashenko per la repressione delle proteste contro l’ennesima rielezione del presidente. Jaroslaw Kaczynski, leader di Diritto e Giustizia, ha dichiarato alla radio pubblica polacca che Varsavia sta affrontando una guerra ibrida, e che “una vera guerra, con le armi, non è nel nostro orizzonte. Stiamo affrontando un nemico imprevedibile”.

Nel frattempo, l’Iraq ha programmato per giovedì un volo di evacuazione da Minsk. Finora circa 150-200 iracheni già presenti nella capitale bielorussa si sono registrati per tornare a casa. Altri iracheni al confine hanno avuto difficoltà nel registrarsi. Il console iracheno per Russia e Bielorussia, Majid al-Kinani, rassicura sull’avanzamento dei lavori e della collaborazione con le autorità di Lukashenko. “Il numero è fluttuante, perché le persone sono bloccate al confine bielorusso con la Polonia o la Lituania e finora non sono state autorizzate a tornare a Minsk dalle autorità bielorusse”, ha detto.

Ultime notizie