martedì, 21 Settembre 2021

Da Kabul a Parma, quattro generazioni di famiglia in fuga: da una bisnonna ultra 90enne ad una bambina di 44 giorni

Le famiglie che sono arrivate sono quelle fortunate, quelle che potevano affrontare un viaggio economicamente, collaboravano con le nostre diplomazie

Da non perdere

Una famiglia, quattro generazioni. Da Kabul a Parma. La decana è la bisnonna ultranovantenne, che non ha dormito e mangiato per dieci giorni.

Una famiglia numerosa di dieci persone in fuga per la libertà e la sopravvivenza, la più piccola è una neonata di appena 44 giorni, arrivata su un cuscino tra le braccia della giovane madre insieme ad altri bambini tra fratellini e sorelline, vestiti di tutto punto, eleganti ma scesi scalzi dal bus militare. È una delle quattro famiglie arrivate a Parma tra quelle di persone che prestavano servizio nella missione Italia-Nato evacuate dall’Afghanistan.

Non parlano italiano e comunicano a gesti, visibilmente provati dal viaggio e dalla paura, la bisnonna appena ha visto un letto ci si è buttata sopra e ha dormito per ore. La bimba di 44 giorni è arrivata in uno stato di disidratazione per cui è stata ricoverata in ospedale a Parma, ma sta bene e sarà dimessa.

Le famiglie che sono arrivate sono quelle fortunate, quelle che potevano affrontare un viaggio economicamente, collaboravano con le nostre diplomazie, i figli sono anche ragazzi universitari.

“Ci hanno raccontato che a casa avevano preparato le valigie per fuggire, ma poi l’evacuazione dell’ambasciata è stata improvvisa. Sono venuti via in fretta e furia. Qualcuno ha portato con sé del denaro, vogliono pagare quel che serve. Per il resto non sono riusciti a portar via nulla”.

Ultime notizie