giovedì, 23 Settembre 2021

Usa Covid, meno test più contagi: Biden non si aspettava una ripresa così

Negli Usa i casi sono aumentati del 149% rispetto a due settimane fa, i ricoveri +86%, i decessi +14%. Torna l'obbligo di mascherina al chiuso per i vaccinati.

Da non perdere

La situazione negli Stati Uniti d’America non è quella che si aspettava il presidente Joe Biden ventinove giorni dopo quello che doveva essere l’Indipendence Day, la festa della liberazione dal Covid.

Un calo significativo dei test sul Covid-19, i messaggi contrarianti sull’utilizzo delle mascherine, il tentativo fallito di creare una coscienza di massa contro il virus, le teorie complottiste e il basso indice di vaccinazione nella fascia d’età tra i 12 e i 17 anni: questo il quadro complessivo americano.

L’immunologo Anthony Fauci ha ammesso che: “I contagi aumenteranno, per poi calare”. L’obbligo di mascherina nei posti al chiuso torna anche per i vaccinati, che, fino a due settimane fa, pensavano di considerarsi “liberi”. I casi sono aumentati del 149% rispetto a due settimane fa, i ricoveri +86%, i decessi +14%.

Secondo Biden si tratterebbe di una “pandemia dei non vaccinati” e negli ultimi giorni si registra un aumento delle persone che si presentano ai centri vaccinali, sicuramente aiutati nella loro scelta da 100 dollari promessi dal presidente a seguito della prima dose.

Inoltre la Casa Bianca ha assoldato gli influencer sui social per convincere i giovani a sottoporsi all’iniezione, ha ingaggiato la giovane cantante pop Olivia Rodrigo e una serie di star di Instagram, TikTok, YouTube perché convincano i loro milioni di giovani fans a superare lo scetticismo.

La variante Delta ha sconvolto le previsioni, ma è stata sottovalutata anche la portata del movimento no-vax. I messaggi contrastanti dei Cdc, i centri federali sanitari, sull’uso della mascherina, prima obbligatorio, poi non più necessario, adesso di nuovo consigliato, hanno creato confusione e alimentato le perplessità.

Per la prima volta da quando si è insediato alla Casa Bianca il nuovo presidente, gli americani sono più pessimisti riguardo il futuro. Secondo un sondaggio Ipsos, più del 55% degli intervistati è deluso dalla direzione che ha preso il Paese, cioè più del 20% rispetto ad aprile, quando il piano vaccinazione stava andando al massimo e il presidente aveva segnato sul calendario la data del 4 luglio come quella del trionfo. Il gradimento di Biden è sceso di sei punti in un mese, passando dal 56 al 50%, e questo nonostante lo stanziamento senza precedenti di aiuti agli americani e la spinta del piano infrastrutture.

L’obiettivo del 70% della popolazione americana con almeno una dose di vaccino è stato raggiunto con un mese di ritardo. Ad oggi è pienamente vaccinato meno del 50% e i contagi aumentano quasi ovunque. Di questo passo, secondo gli analisti, si raggiungerà la soglia sperata solo a metà dicembre.

Nel frattempo la Florida venerdì ha registrato il record di nuovi casi in un giorno, più di 21mila, e domenica quello dei ricoveri, più di 10mila, mentre il governatore Ron DeSantis ha escluso l’obbligo di mascherine a scuola, a tre settimane dall’inizio delle lezioni.

Il rischio di tornare al lockdown, al momento, viene escluso. “Ma la situazione – ammette Fauci – peggiorerà”.

Ultime notizie