lunedì, 20 Maggio 2024

Ucraina, sventati 55 attacchi nel Donetsk: tre giornalisti arrestati in Russia

Il fronte orientale del Donetsk è diventato particolarmente caldo negli ultimi giorni, con un deterioramento della situazione in prima linea, mentre Kiev aspetta l'arrivo delle armi promesse dagli Stati Uniti con un pacchetto di aiuti da 61 miliardi di dollari.

Da non perdere

L’Ucraina ha dichiarato di aver respinto 55 attacchi russi in diverse località a nord e ovest di Novobakhmutivka, nella regione orientale di Donetsk. Tra questi attacchi, si segnala la pesante situazione a Ocheretyne, dove si sono verificati combattimenti intensi. Il fronte orientale del Donetsk è diventato particolarmente caldo negli ultimi giorni, con un deterioramento della situazione in prima linea, mentre Kiev aspetta l’arrivo delle armi promesse dagli Stati Uniti con un pacchetto di aiuti da 61 miliardi di dollari.

In Russia, negli ultimi tre giorni, sono stati arrestati tre giornalisti. Sergei Mingazov, di Forbes Russia, è stato fermato a Khabarovsk con l’accusa di aver diffuso informazioni false sulle forze militari russe. Mingazov è agli arresti domiciliari da sabato. A Murmansk, è stato arrestato Sergei Karelin, video giornalista accusato di estremismo per aver collaborato con organizzazioni fondate da Aleksei Navalny. Konstantin Gabov, collaboratore di Reuters, è stato arrestato a Mosca per la presunta “preparazione di materiali fotografici e video”. Questi arresti si aggiungono alla lista crescente di persone detenute in Russia per presunte connessioni con Navalny.

Nel sud-ovest della Russia, due agenti della polizia stradale sono stati uccisi e quattro feriti in una sparatoria a Mara Ayagy, nella repubblica di Karachayevo-Cherkesia, durante un attacco con esplosivi e armi automatiche. Cinque aggressori sono stati uccisi dalle forze di sicurezza russe. L’attacco è collegato a un episodio simile avvenuto la settimana precedente a Karachaevsk, dove due agenti di polizia sono stati uccisi.

Nel frattempo, Kiev ha riferito che la Russia ha perso 467.470 soldati in Ucraina dall’inizio della guerra nel febbraio 2022. Le perdite russe includono 1.320 vittime nell’ultimo giorno, oltre a numerose perdite di equipaggiamento militare. Il presidente cinese Xi Jinping intraprenderà un tour in Francia, Serbia e Ungheria dal 5 al 10 maggio, su invito dei rispettivi leader di questi paesi.

Ultime notizie