venerdì, 14 Maggio 2021

Arezzo, produceva cannabis per sé a scopo terapeutico: assolto

Walter De Benedetto assolto. Coltivava cannabis a scopo terapeutico per artrite reumatoide.

Da non perdere

Assolto dal Tribunale di Arezzo, Walter De Benedetto, 48nne di Arezzo, finito nei guai per una serra, accanto all’abitazione, nella quale coltivava piante di cannabis, che utilizzava esclusivamente per lenire le sofferenze della sua malattia: una grave forma di artrite reumatoide. Nel 2019, a seguito di una denuncia, i Carabinieri avevano scoperto la serra ed era scattata la denuncia per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

Il legale di De Benedetto, avvocato Lorenzo Simonetti spiega che il 48enne non ha mai fatto uso di sostanze stupefacenti, ma era malato e, a causa del forte dolore, coltivava in giardino la cannabis, solo a scopo terapeutico. L’avvocato afferma, infatti, che le dosi che venivano fornite dall’Asl all’uomo malato non bastavano per la sua cura.

“Sono soddisfatto, non solo per me ma anche per tutti coloro che vivono nelle mie stesse difficoltà proprio perché è stato affermato il principio del diritto di cura con la cannabis a solo scopo terapeutico. Ringrazio chi mi ha sostenuto e la mobilitazione che si è creata intorno a me. Da questa sentenza possiamo partire per portare avanti la nostra lotta”, ha detto Walter De Benedetto, dopo aver saputo dell’assoluzione.

Questa mattina non era presente in aula perché ieri sera non è stato bene, ma raggiunto al telefono, ha commentato la sentenza: “Mi sento molto sollevato dalla decisione del tribunale”, ha affermato.

Ultim'ora