sabato, 15 Maggio 2021

Un anno di Covid: la pandemia vista da Sud

Dopo circa un anno di SARS-Cov2, il Sud Italia inizia a fare i conti con i propri limiti e con l'incapacità di mantenere bassi i casi di contagio che, un anno fa, erano minimi.

Da non perdere

L’emergenza sanitaria fa emergere ancor più il divario con il Nord

La pandemia mondiale, tristemente, ha soffiato la sua prima candelina. E l’emergenza sanitaria inizia a pesare in maniera decisiva su un Mezzogiorno già martoriato da anni di disparità con il resto dell’Italia.

Insomma, dopo circa un anno di SARS-Cov2, il Sud Italia inizia a fare i conti con i propri limiti e con l’incapacità di mantenere bassi i casi di contagio che, un anno fa, erano minimi.

Il 9 marzo 2020 l’intero Stivale viene dichiarato “zona rossa”. Siamo il primo Paese occidentale ad adottare misure restrittive severissime: lockdown totale. A quarantena iniziata, seppure siamo tutti confinati nelle abitazioni, cosa che accomuna tutti gli italiani, la percezione dell’emergenza è diversa. Da un lato ci sono le Regioni del Nord che vivono sulla propria pelle gli aspetti più devastanti della malattia; dall’altro, il Sud che vive l’emergenza quasi da spettatrice.

Il Covid c’era sì, ma era una cosa che riguardava innanzitutto il Nord. Una cosa vista alla tv: ospedali al collasso, sanitari sfiniti, malati intubati, camion militari che portano via le bare.

Nelle sue prime fasi la pandemia ha spezzato in due l’Italia. Nessuna novità, si potrebbe pensare: il nostro Bel Paese è diviso in due praticamente da sempre. I Covid non fa eccezione. Al Sud solo piccoli focolai e zone quasi Covid-free.

La quarantena sembra funzionare, il 23 giugno con soli 113 nuovi casi è il giorno in cui l’Italia registra il minimo storico giornaliero, dopo quattro mesi di ecatombe. È il segno che il nostro Paese può ripartire, l’estate è salva, via con le vacanze nelle località di mare.

È un’opportunità per risanare l’economia del Meridione, si dice ma, col senno di poi, per il Sud è stato l’inizio della fine. A fine agosto, pian piano, silenziosamente, il virus ha ripreso a diffondersi, complice anche l’abbassamento delle misure preventive.

Così, la seconda ondata non si fa attendere, il virus avanzando ed, ora, è il Sud che registra tassi di positivi e ospedalizzazioni maggiori che al Nord. La situazione si ribalta e le Regioni del Meridione ora vivono gomito a gomito con il Coronavirus.

L’Italia, mai così uguale in ogni sua parte, ora lo è. Ma le Regioni Meridionali riusciranno a reagire come le altre? Certo, gli ospedali sono pochi, non sempre ben attrezzati e con personale ridotto all’osso. Certo, le vaccinazioni procedono a rilento. Certo, l’economia del Sud fa più fatica, perché risente di una crisi antecedente. Ma è certo anche che il Sud non ha fatto tesoro dell’esperienza del Nord. Ha dilapidato i sacrifici compiuti durante il lockdown della scorsa primavera. Da ottobre 2020 l’impennata dei contagi diventa, ogni giorno, sempre più severa e preoccupante. Eppure non si rinuncia ad affollare i negozi per lo shopping natalizio. Si arriva ad un Natale castigato, con limitazioni persino nei contatti con i familiari. Ma, nulla. Soprattutto al Sud, dopo le feste, il numero dei nuovi positivi prosegue la sua ascesa. E ancora oggi non accenna a placarsi.

Da Nord a Sud, il Covid non ci ha spinto a migliorarci, a risolvere quei problemi che da decenni facciamo finta non esistano. Ha, invece, messo in evidenza ciò che tutti conoscevamo già: esiste un divario tra Nord e Sud, una sproporzione nei servizi, una differenza sostanziale nei trasporti, la quasi assenza di opportunità per i giovani.

Il virus ci ha tolto tanto, da Sud a Nord. Potrebbe, però, regalarci un cambio di passo. Solo se sapremo combatterlo rispettando regole e limitazioni. Al di là della localizzazione geografica e di ogni banale egoismo.

Ultim'ora