domenica, 14 Aprile 2024

Israele, incontro teso con Netanyahu: Blinken “Troppe vittime civili e troppi bambini a Gaza”

L'offensiva israeliana a Gaza è in corso da tre mesi, e Blinken ha sottolineato che il costo umano per i civili è "di gran lunga troppo alto". Ha chiesto un maggiore flusso di cibo, acqua, medicine e altri beni essenziali verso Gaza, e ha esortato Israele a rimuovere qualsiasi ostacolo per agevolare questo processo.

Da non perdere

Antony Blinken, il Segretario di Stato degli Stati Uniti, ha consegnato un messaggio chiaro durante la sua visita a Tel Aviv: il bilancio delle vittime civili a Gaza è eccessivo. L’incontro con il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato caratterizzato da tensioni, poiché Blinken ha citato dati delle Nazioni Unite che indicano che il 90% della popolazione a Gaza affronta gravi problemi di sicurezza alimentare, con conseguenze durature, soprattutto per i bambini.

L’offensiva israeliana a Gaza è in corso da tre mesi, e Blinken ha sottolineato che il costo umano per i civili è “di gran lunga troppo alto”. Ha chiesto un maggiore flusso di cibo, acqua, medicine e altri beni essenziali verso Gaza, e ha esortato Israele a rimuovere qualsiasi ostacolo per agevolare questo processo.

Durante una conferenza stampa, Blinken ha ribadito il forte sostegno degli Stati Uniti ad Israele, affermando che l’amicizia tra i due Paesi è “veramente eccezionale e unica”. Tuttavia, ha enfatizzato la necessità di un rapido termine al conflitto, affermando che gli Stati Uniti vogliono che la guerra finisca il prima possibile.

Il Segretario di Stato ha anche annunciato che l’ONU condurrà una missione di valutazione per facilitare il ritorno dei palestinesi sfollati alle loro case nel nord di Gaza. Ha sottolineato che, sebbene il ritorno non avverrà rapidamente a causa delle sfide umanitarie e infrastrutturali, l’ONU avvierà un processo per valutare e superare gli ostacoli.

Blinken ha comunicato un messaggio chiaro a Netanyahu, sottolineando che una soluzione di pace durevole richiede un approccio regionale e un cammino verso uno stato palestinese. Ha esortato Israele a essere un partner per i leader palestinesi disposti a condurre il loro popolo verso una coesistenza pacifica. Allo stesso tempo, ha affermato che anche i leader israeliani dovranno prendere decisioni difficili per ottenere il supporto dei vicini arabi.

Il segretario di Stato ha concluso sottolineando la necessità di riforme e miglioramenti nella governance dell’Autorità Palestinese. La sua visita e i messaggi trasmessi indicano la volontà degli Stati Uniti di giocare un ruolo chiave nel cercare una soluzione pacifica e sostenibile per la situazione in corso in Medio Oriente.

Ultime notizie