mercoledì, 17 Luglio 2024

Meteo, il cambiamento climatico sta cambiando la sorte del pianeta

Non ci si può più permettere di negare l'evidenza: la situazione è allarmante.

Da non perdere

I segnali di un progressivo cambiamento climatico mondiale, sono innegabili.

La notte scorsa a Lahaina, sull’isola di Maui, Hawaii, si è verificato il peggiore incendio del secolo negli Stati Uniti, causa della morte di 89 isolani.

La cifra appena raggiunta ha superato il bilancio dell’incendio del 2018 nel nord della California, che aveva provocato 85 morti.

L’episodio non è singolo, ma solo uno dei 3 incendi verificatosi a Maui, nel corso della settimana, per non contare poi gli altri due, nelle zone limitrofe di Kihei e Kaanapali.

A seguito dell’accaduto, il governatore delle Hawaii Josh Green, ha dichiarato alla stampa che, data la situazione climatica, episodi simili continueranno ad accadere e il bilancio dei morti continuerà irrimediabilmente a salire.

Il caldo è diventato insostenibile anche in Italia ed è innegabile che il fenomeno non si possa limitare a una semplice spiegazione come ‘è estate: è normale che faccia caldo’, come svariati politici vorrebbero farci credere, facendo ombra sull’emergenza; lo stesso Matteo Salvini, durante la messa in onda di un programma televisivo ha esordito con quella che sarebbe dovuta essere una battuta ironica : ‘D’estate fa caldo, d’inverno fa freddo’, per poi inveire contro gli ecoattivisti esordendo con : Non devi rompere le p**** alla gente che vuole andare a lavorare. Viva l’ambiente, ma prima viva la donna e l’uomo che vivono in quest’ambiente”.

Sottolineo,  l’estate scorsa ci sono stati 18mila morti sul lavoro, solo in Italia. Il cosiddetto ‘caldo estivo’ è quello, solo nel mese di Luglio, ha causato la morte di ben tre lavoratori. Per dare un esempio di come il cambiamento climatico, non solo ci riguardi in prima persona, ma abbia effetti diversi, basti pensare agli eventi della notte fra il 24 e il 25 Luglio in Lombardia, colpita da forti nubifragi che hanno allagato intere città e distrutto abitazioni.

via instagram

Eppure, la tanto criticata attivista Greta Thunberg ci aveva avvisato, ma la voglia di trovare anche una minima controversia nelle sue scelte è stata maggiormente accolta del tentativo di provare ad ascoltare una ragazza, allora quindicenne, che ha avuto il coraggio di dire la verità, mentre molte figure istituzionali, continuavano ad adottare l’atteggiamento ‘non vedo, non sento, non parlo’.

Non ci si può più permettere di negare l’evidenza: la situazione è allarmante.

Ultime notizie