martedì, 5 Marzo 2024

Terremoto tra Turchia e Siria, oltre 16 mila morti dopo 62 ore: il numero è destinato a crescere

Sono passate più di 62 ore dal terribile terremoto del 6 febbraio. Sono almeno 62.914 le persone rimaste ferite nel sud della Turchia, lo rende noto l'Agenzia per le Emergenze  e i Disastri di Ankara

Da non perdere

Sono passate più di 62 ore dal terribile terremoto del 6 febbraio. Sono almeno 62.914 le persone rimaste ferite nel sud della Turchia, lo rende noto l’Agenzia per le Emergenze  e i Disastri di Ankara (Afad). Secondo fonti ufficiali e mediche, il bilancio ufficiale dei morti ha superto i 16 mila tra Turchia e Siria.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan fa mea culpa sulla macchina dei soccorsi dopo le critiche sulla lentezza degli interventi in alcune aree.

“Inizialmente ci sono stati problemi negli aeroporti e sulle strade, ma oggi le cose stanno diventando più facili e domani sarà ancora più facile. Abbiamo mobilitato tutte le nostre risorse” ha affermato Erdogan mentre era in visita nei luoghi colpiti dal sisma.

Più di 298 mila persone sono state costrette a lasciare le loro case, lo hanno riferito i media statali siriani. Questo numero sembra essere riferito solo alle parti della Siria sotto il controllo del governo, non a quelle controllate da altre fazioni del nord-ovest del paese, riporta il Guardian.

Mentre in soccorritori sono al lavoro, a Gaziantep, in Turchia le bare di metallo verde sono allineate 10 alla volta nel cimitero principale, in attesa che un imam le benedica prima di una frettolosa sepoltura. Il maltempo e un problema sia per i salvatori che per gli sfollati. La speranza di trovare ancora persone vive si sta spegnendo ogni ora di più.

Ultime notizie