martedì, 27 Febbraio 2024

Non accettala la separazione, aggredisce la moglie con forbici e coltello: figlia salta addosso al padre e salva tutta la famiglia

Chiesto senza successo 500 euro alla moglie, l'uomo si è armato di forbici e coltello, la figlia non ci ha pensato su e si è avvinghiata alle sue spalle. La madre è scappata con i fratellini e ha chiamato i Carabinieri.

Da non perdere

In un’abitazione a nord di Catania, la notte scorsa, la figlia 19enne ha salvato sua madre, la sorellina e il fratellino dalla ferocia del padre armato di forbici da cucina e un grosso coltello che, con foga, voleva scagliarsi contro la donna. La figlia, prontamente, si è gettata alle spalle dell’uomo. Il padre, distratto dal gesto inaspettato, ha cambiato obiettivo. La madre e i fratellini, nel mentre, sono scappati via e si sono rifugiati in casa di un vicino e hanno subito chiamato i Carabinieri, i militari sono prontamente intervenuti sul posto e hanno arrestato il genitore 38enne. La 19enne ha riportato ferite alle mani.

La ricostruzione dei fatti

Dalle indagini è emerso che la coppia si stava separando perché la moglie non riusciva più a tollerare la dipendenza da stupefacenti del marito, oltre alle ripetute condotte vessatorie e violente nei confronti sia della donna sia dei 3 figli, di cui una maggiorenne e gli altri due minori. Pare che il comportamento del capofamiglia fosse diventato più brutale da quando il 38enne ha abbandonato il centro per la cura delle tossicodipendenze trasferendosi a casa di sua madre. Ieri notte l’uomo si sarebbe recato presso la sua ex abitazione e avrebbe iniziato a infastidire sia la famiglia sia il vicinato. La moglie, per evitare i continui schiamazzi, lo avrebbe fatto entrare in casa, ignara del fatto che lui si era recato lì per ottenere 500 euro. La donna, alla richiesta, si sarebbe rifiutata, cosa che ha scatenato la furia del padre di famiglia. L’uomo avrebbe afferrato con una mano delle forbici da cucina e con l’altra un grosso coltello con l’intento di aggredire a pugnalate la moglie, il tutto corredato da minacce verbali di morte tra cui quella di voler utilizzare anche l’acido. Le brutte intenzioni sarebbero state interrotte proprio dall’intervento eroico della figlia 19enne. L’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto del padre di famiglia perché indagato di atti persecutori ed estorsione.

In Italia, situazioni simili sono all’ordine del giorno, si declinano in violenze verbali, psicologiche per concludersi tragicamente in quelle fisiche. Per quanto difficile, bisogna denunciare per venire fuori dalla gabbia in cui la donna è stata rinchiusa per colpa di un uomo che, spesso, dichiara di amarla. Questo non è amore e tutto questo non dovrebbe più accadere. Il Quotidiano Italiano ha realizzato un questionario anonimo per tutte le donne che hanno subito o subiscono violenza, si invitano a compilarlo col fine di far luce sulla reale situazione della violenza di genere nel nostro Paese, oltre a donare, per quanto possibile, una piccola forma di liberazione a tutte le donne che decideranno di parlare compilando il suddetto questionario.

Ultime notizie