domenica, 23 Giugno 2024

Qualificazioni Mondiali, spettacolo a Pesaro: Italbasket cede alla Spagna all’overtime

Grande spettacolo a Pesaro dove si è giocata la partita tra Italia e Spagna vinta dalla nazionale di Sergio Scariolo per 88-84 dopo un tempo supplementare.

Da non perdere

Grande spettacolo a Pesaro dove si è giocata la partita tra Italia e Spagna, vinta dagli spagnoli 88-84, valida per la settima giornata del girone di qualificazione dei Mondiali 2023 in Giappone, Indonesia e Filippine. La contesa ha avuto bisogno di un tempo supplementare per il verdetto nel sold out pesarese che ha visto trionfare la Spagna, che quindi fa un passo avanti decisivo per la qualificazione mondiale. Gli azzurri hanno trovato ritmo da 3 solo nel quarto periodo e ci hanno regalato un finale bellissimo nella bolgia della Vitrifrigo Arena presenziata dal fresco campione del mondo Pecco Bagnaia e Valentino Rossi, oltre al solito Gianmarco Tamberi, sempre presente quando si tratta di palla a spicchi.

Il primo tempo è a punteggio piuttosto basso, con la Spagna avanti per 16 dei 20 minuti giocati e che ha concluso con un vantaggio di “soli” 3 punti. Nel secondo tempo si parte sostanzialmente da 0 a 0 con l’Italia che, nonostante le assenze pesanti, tra cui Melli e Datome su tutti, schierava in quintetto Ricci, Spissu, Pajola, Ricci e Tessitori. A eccezione del Tex, centro toscano della Valdera, tutti gli altri hanno giocato da protagonisti a Eurobasket quest’estate.

Nel secondo quarto la Spagna parte meglio con un 4 su 6 da 3 punti che porta i ragazzi di Sergio Scariolo anche avanti di 11. L’Italia riesce a restare in partita grazie alla solita “garra”, che ci aveva portato allimpresa europea contro la Serbia e a sfiorarla contro la Francia. Coach Pozzecco ha bisogno dell’energia di Paul Biligha (12) e dell’imprevedibilità di Nico Mannion (20), tenuto “congelato” in Germania per la maggior parte delle partite e che ieri aveva una grande occasione per riprendere un minimo di fiducia. Proprio il ragazzo italo-americano dà un importantissimo contributo mettendo in campo la solita energia e prendendosi tiri con fiducia anche se le percentuali non sono granché. Proprio quest’ultime terribili per l’Italia: a inizio quarto periodo sul 55-49 per la Spagna siamo a 3 triple messe a segno su 20 tentativi.

Il quarto periodo si apre nel segno dell’Italia con un canestro di Severini (8) e, udite udite, è proprio una tripla che infiamma la Vitrifrigo Arena. La giocata del giovane azzurro è seguita da una scorribanda al ferro di Mannion e dalla seconda tripla del quarto, la quinta del match sempre di Nico. Gli azzurri mettono a segno una rubata e segnano con Baldanzo per il vantaggio 59-57, parziale di 10 a 2 nel quarto periodo. Si è giunti quindi a uno spettacolare finale in volata con Ricci che esce per 5 falli e Marco Spissu che mette una tripla assurda per il vantaggio azzurro a 35″ dalla fine. Sergio Scariolo costruisce e Jaime Fernandez (28 punti) segna la tripla del +2 Spagna. Gli azzurri hanno esattamente 24 secondi per provare a pareggiare, cosa che fanno grazie al coraggio sfrontato di Nico Mannion. È overtime.

L’overtime è una battaglia incredibile con la tripla di Fernandez e poi il gioco da tre punti di Biligha. Mannion firma un nuovo +3, ma sempre il solito Fernandez trova il sorpasso spagnolo (78-79). Nuova clamorosa tripla di Mannion, ma Parra gela tutto il pubblico di Pesaro (81-82). Mannion fa solo 1 su 2 e Fernandez segna ancora in penetrazione. Mannion prima e Spissu poi sbagliano e nella guerra dei liberi la Spagna vince 88-84.

Italia: Spissu 12, Mannion 20, Biligha 10, Tessitori 8, Ricci 5, Moraschini, Baldasso 4, Caruso, Vitali 8, Severini 8, Pajola 2, Petrucelli 7

Spagna: Fernandez 28, Brizuela 5, Diaz 8, Saiz 9, Salvo 8, Guerrero 1, Barreira, Sima 6, Yusta 9, Bassas 2, Nunez, Parra 12

Ultime notizie