mercoledì, 28 Settembre 2022

Reggio Emilia, aggrediscono e rapinano passante che li stava filmando: arrestati 19enne e 25enne

I due giovani, già noti alle Forze dell'Ordine, appartengono alla gang "Casa Base", anch'essa conosciuta per comportamenti molesti in città, e sono stati trasferiti in carcere.

Da non perdere

Un 19enne e un 25enne sono stati arrestati ieri, 31 agosto, dalla Squadra Mobile della Questura di Reggio Emilia come presunti autori di una rapina del 28 luglio scorso. I due sono membri del gruppo giovanile “Casa Base”, già noto alle Forze dell’Ordine per segnalazioni pervenute circa comportamenti molesti avvenuti nella zona Chiostri di San Pietro, molto frequentata dai reggiani nel periodo estivo e sorvegliata costantemente come da disposizioni del Questore, soprattutto nei fine settimana.

La vicenda

La vicenda risalirebbe allo scorso 28 luglio, quando i ragazzi sono stati visti da due passanti mentre davano fuoco a della carta ai Chiostri di San Pietro. I due li hanno invitati a mantenere un comportamento più educato e, non avendo ottenuto un riscontro positivo, uno di loro ha iniziato a filmare la scena. I giovani lo hanno aggredito per impedirgli di riprendere, gettandolo a terra e causando lesioni che sono risultate guaribili in sei giorni, e si sono inoltre appropriati del cellulare.

Gli inquirenti hanno riconosciuto gli aggressori grazie al sistema di videosorveglianza presente nell’area. Il 25enne ha precedenti per rapina, mentre il 19enne era stato denunciato a gennaio scorso per violenza privata e interruzione di pubblico servizio. In un video pubblicato su YouTube dai “Casa Base”, il più giovane ha costretto un esercente a chiudere temporaneamente la propria attività e ha interrotto la corsa di un autobus. La Squadra Mobile della Questura di Reggio Emilia ha dunque eseguito le misure cautelari in carcere disposte dal Gip su richiesta della Procura.

Ultime notizie