venerdì, 12 Agosto 2022

Guerra in Ucraina, attacchi a Novaya Kakhovka e Chasiv Yar: 45 morti 80 feriti. Odessa: “Generale Nasbulin all’inferno”

Sono numerose le vittime dei bombardamenti di questa mattina a Mykolaiv e Novaya Kakhovka. Secondo Kiev sono più di 37mila i soldati russi morti dall'inizio della guerra. Per l'intelligence britannica il Cremlino potrebbe attingere alle carceri per rimpiazzarli. Mosca contrattacca: "Uccisi centinaia di mercenari, pensateci due volte".

Da non perdere

“Nella notte le truppe russe hanno sparato razzi su Kharkiv, Toretsk e Sloviansk, e al mattino hanno lanciato un massiccio attacco missilistico su Mykolaiv, dove due strutture mediche e edifici residenziali sono stati colpiti. Foreste e campi bruciano nell’oblast di Kherson a causa dei bombardamenti”. È questo il bilancio riportato nel bollettino quotidiano dello Stato Maggiore ucraino, cui si sommano i bombardamenti a opera di Kiev sulla città occupata di Novaya Kakhovka. Prosegue, intanto, l’avanzata russa nel Donetsk, verso le città di Slovyansk e Kramatorsk.

Attacco ucraino su Novaya Kakhovka: 7 morti e 80 feriti

Cresce ancora il numero dei feriti nell’attacco missilistico lanciato ieri dalle forze armate di Kiev su Novaya Kakhovka, la città ucraina della regione di Kherson in mano ai russi.  Sarebbero 80 i feriti mentre 7 persone risulterebbero ancora disperse, secondo quanto riportato dal vice capo dell’Amministrazione civile-militare della regione, Kirill Stremousov. Non sono giunti invece aggiornamenti sul numero delle vittime, che attualmente si attestano a 7.

Ucciso a Novaya Kakhovka anche un generale russo: “Il maggiore generale Nasbulin è andato all’inferno”

Si tratta del secondo attacco ucraino in pochi giorni sulla città occupata. Nel corso del primo raid sarebbe stato colpito un quartier generale di Mosca, in cui è morto il generale russo Nasbulin. Lo ha comunicato l’addetto stampa del capo dell’Amministrazione militare regionale di Odessa, Sergei Bratchuk. “Ci sono informazioni sulla liquidazione di un altro generale russo dopo che i missili lanciati dai sistemi HIMARS – High Mobility Artillery Rocket System hanno colpito il quartier generale nella regione di Kherson. Il capo di Stato Maggiore del 22° Corpo d’Armata delle forze armate della FR, il maggiore generale Nasbulin è andato all’inferno“, ha scritto Bratchuk. 

Missili russi su Mykolaiv: 4 feriti

Sono invece 4 i feriti in seguito agli attacchi missilistici lanciati dalle forze russe nelle prime ore di oggi contro la città di Mykolaiv, nell’Ucraina meridionale, secondo quanto riportato dal sindaco della città, Oleksandr Sienkevych, sottolineando che sono state colpite due strutture mediche e edifici residenziali. “Secondo informazioni preliminari, i razzi hanno colpito due strutture mediche ed edifici residenziali. Quattro persone sono rimaste ferite”, ha dichiarato Sienkevych aggiungendo che i soccorritori e le squadre di emergenza stanno lavorando sul posto.

Chasiv Yar: uccise 38 persone, tra cui un bambino

Sono attualmente 38 le vittime dell’attacco missilistico russo a un edificio residenziale nella città di Chasiv Yar. “Sono stati estratti dalle macerie i corpi senza vita di 38 persone, anche quello di un bambino di circa 9 anni”, ha fatto sapere via Telegram il ministero degli Interni. Altre nove persone sono state tratte in salvo.

Gb: “Il Cremlino potrebbe attingere alle carceri per rimpiazzare i soldati”

Secondo l’intelligence britannica, il Cremlino avrebbe dato ordine di attingere uomini dalle carceri per rimpiazzare i soldati persi. “La carenza di personale delle forze armate russe potrebbe costringere la Difesa a ricorrere al reclutamento non tradizionale di risorse militari, fra le quali personale dalle prigioni russe per la compagnia militare privata Wagner”, ha scritto su Twitter l’intelligence britannica. Questa mossa potrebbe rendersi necessaria per “una difficoltà nel sostituire il numero significativo di vittime” della Russia nella guerra in Ucraina.

Kiev: “Morti 37.470 soldati russi”

Secondo fonti ucraine ammonterebbero a 37.470 le perdite fra le fila russe dall’inizio dell’invasione, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente.

Mosca: “Uccisi centinaia di mercenari, pensateci due volte”

Secondo la Russia, invece, sarebbero decine e decine i “mercenari stranieri” uccisi nelle ultime tre settimane in Ucraina. Tra questi si conterebbero “più di 160 polacchi, 50 georgiani e 23 britannici“. Lo ha annunciato il ministero della Difesa russo, che ha esortato i combattenti stranieri “a pensarci due volte e a tornare a casa vivi”, avvertendo che chi viene catturato affronterà il massimo della pena in carcere.

Ultime notizie