sabato, 2 Luglio 2022

Roland Garros, giornata tricolore a Parigi: vittorie per Sonego, Sinner e Cecchinato. Sconfitta per l’esordiente Zeppieri

Giornata di primi turni intensa per i colori azzurri. Il primo in campo è Lorenzo Sonego che ha sconfitto Gojowczky 6-2, 6-2, 6-1. Vittoria facile anche per Jannik Sinner contro il qualificato Bjorn Fratangelo per 6-3, 6-2, 6-2. Nulla da fare per l'esordiente Giulio Zeppieri eliminato in tre set 7-5, 6-2, 7-5 da Hurkacz. Clamorosa rimonta di Marco Cecchinato che batte Andujar per 4-6, 4-6, 6-0, 7-5, 6-0.

Da non perdere

Giornata intensa per il tennis tricolore al Roland Garros: sono stati ben 5 i tennisti italiani scesi in campo al 1° turno del torneo. Cominciamo da Lorenzo Sonego che come da pronostico ha avuto la meglio su Gojowczky. Il tennista Torinese ha lasciato solo 5 giochi al tedesco vincendo per 6-2; 6-2; 6-1. Lo stesso vale per Jannik Sinner che ha battuto il qualificato Bjorn Fratangelo in tre set: 6-3; 6-2; 6-3. Nulla da fare invece per l’esordiente Zeppieri che disputa un bel match ma cede al polacco Hurkacz 7-5; 6-2; 7-5. Incredibile rimonta per Marco Cecchinato contro Andujar. Sotto due set a zero, il ceck rimonta e vince il match 4-6; 4-6; 6-0; 7-5; 6-0.

I MATCH

Pic by twitter @federtennis

In ordine cronologico la prima partita l’ha disputata Lorenzo Sonego contro Peter Gojowczky. Parte forte il tennista tedesco che guadagna subito il break in apertura nei confronti dell’azzurro portandosi sul 2-0. Lorenzo è costretto già a seguire ma poco male perché grazie ai numerosi gratuiti del suo avversario, ottiene immediatamente il contro-break, tiene il servizio nel gioco successivo e ri-brekka di nuovo il tedesco portandosi avanti 3-2. Da questo momento l’azzurro prende in pungo il match mentre l’avversario sembra essersi smarrito improvvisamente, nonostante il buon inizio. Si arriva in poco tempo sul 5-2 con Sonego che guadagna il suo 3 break consecutivo per poi vincere in scioltezza il primo set con il risultato di 6-2.

Il secondo parziale si apre come la fine del primo, cioè con Gojowczky totalmente fuori dalla partita che perde il suo 7° game di fila ma il peggio per il tennista tedesco deve ancora avvenire. Lorenzo ottiene un altro break e sale 3-0. Ora per il tennista di Dachau sono ben 9 i giochi persi consecutivamente. Un vero e proprio disastro, un’emorragia che viene fermata nel sesto game, quando il tedesco riesce a portare via un break all’italiano che comunque comanda il secondo parziale per 4-2. La “rinascita” del n.82 del mondo dura poco, giusto il tempo per Lorenzo di rimettere apposto le idee, riprendendosi il break e chiudendo poi al servizio anche il secondo set sempre per 6-2.

Il terzo parziale manco a dirlo segue lo stesso copione dei primi due: Sonego in facile controllo del match, Gojowczky non ne azzecca una sbagliando tutto e di più. Il tennista di Torino si prende subito due break, salendo 4-1. Come in una famosa canzone di Califano, tutto il resto è noia e il terzo set si chiude anche in maniera imbarazzante per 6-1. Partita a dir poco facile per Lorenzo mentre il tennista tedesco ha giocato ai limiti del presentabile, soprattutto per un torneo di questo livello. Al secondo turno Sonego avrà il portoghese n.63 del mondo Joao Sousa. I precedenti dicono una vittoria per parte.

Dopo essersi qualificato per la prima volta ad un torneo Slam Giulio Zeppieri affrontava il n.13 del ranking Hubert Hurkacz.
Partita che inizia in equilibrio con Zeppieri che non si lascia emozionare dalla sua prima al Roland Garros. Il polacco è un avversario tosto, con un servizio solido e che non molla facilmente. In questo primo set però il romano non è da meno. Con dei bellissimi colpi di dritto l’azzurro tiene bene salendo nel primo parziale per 5-4. Da ammirare il coraggio di Zeppieri che si porta ad un game dall’ottenere il suo primo set in un Grande Slam. Hurkacz non molla e si porta sul 5-5 con un servizio vincente. A questo punto è l’esperienza che fa da padrona e di certo il numero 13 al mondo ne ha di più e si guadagna così il break. Sul 6-5 il tennista polacco non si lascia intimorire e grazie anche a due servizi vincenti porta a casa il primo set con il risultato di 7-5.

Il secondo parziale si apre subito con un break di apertura che consente al nativo di Wroclaw di comandare in avvio salendo 3-1. Zeppieri incomincia a sbagliare un pò di più e allora arriva un’altro break per il polacco che confermerà nel suo turno di battuta salendo 5-1. Giusto il tempo per il giovane tennista azzurro di vincere il suo turno di battuta prima di cedere anche il secondo set per 2-6. Inizia il terzo parziale di gioco con Hurkacz avanti due set a zero. Il tennista romano comincia a giocare a tutto braccio sciogliendosi un pò e tenendo i suoi turni di servizio. L’azzurro gioca senza paura e il set si mantiene in equilibrio di fatto seguendo lo stesso identico copione del primo parziale. Zeppieri infatti si porta sul 5-4 alzando nettamente il suo livello di gioco. Il polacco dal canto suo non vuole allungare la partita e chiude in fretta il suo turno di servizio pareggiando i conti. L’undicesimo game è molto lottato e si va ai vantaggi. Ma nel momento più delicato Zeppieri commette un doppio fallo che risulterà decisivo per l’esito del match. Hurkacz guadagna il break per poi vincere terzo set e match per 7-5. Esordio più che positivo per il ventenne di Roma che esce di scena a testa alta dal torneo. Le basi per diventare un buonissimo tennista ci sono tutte e si sono viste in campo anche nel suo primo turno della carriera al Roland Garros.

Pic by twitter

Partita in ufficio invece per Jannik Sinner. Il n° 2 d’Italia affrontava l’americano Bjorn Fratangelo. Inizia bene l’allievo di Vagnozzi seppur non mostrando quel bel tennis che ci aveva abituati ad ammirare tempo fa. Jannik dopo aver vinto il suo turno di servizio ottiene subito un break in apertura di match. Il tennista azzurro fa capire che c’è più di una categoria di differenza con il suo avversario, tenendo facilmente al servizio e chiudendo il primo set 6-3.

Il secondo set comincia sulla falsa riga del primo con Sinner che si porta in vantaggio al primo game otteneno il break in apertura come a inizio partita. Per Jannik la partita si fa fin troppo facile dominando l’avversario in tutto salendo 5-2. Nell’ottavo gioco arriva il secondo break che consente all’azzurro di vincere anche il 2° parziale per 6-2. L'”allenamento” per Sinner continua anche nel terzo che come nei primi due guadagna il break in apertura. Ora serve solo rimanere concentrati ed amministrare la partita cosa che il n.12 del mondo fa con estrema facilità chiudendo la pratica col punteggio di 6-3; 6-2; 6-3. Al secondo turno la sfida contro lo spagnolo Carballes Baena che ha eliminato il tedesco Oscar Otte. Fra i due tennisti non ci sono precedenti.

Altro italiano sceso in campo è Marco Cecchinato ex semifinalista del torneo che ha sfidato lo spagnolo Pablo Andujar. Dopo un partenza fantastica che lo ha portato avanti 3-0 nel primo set, il tennista siciliano va in difficoltà e subisce la rimonta di Andujar che si porta sopra 4-3, e grazie ad un parziale di sei game a uno, vince il primo set 6-4. Il secondo parziale è la fotocopia del primo con l’azzurro che parte avanti di un break salendo 3-1 per poi essere rimontato dallo spagnolo che vince anche la seconda partita per 6-4. Ceck non molla e come nei primi due set  anche nel terzo va avanti di un break. Stavolta la musica cambia in meglio per il siciliano che va avanti 2-0. Troppo poco? macchè il tennista azzurro guadagna un altro break ai danni del suo avversario e sale 4-0. La musica non è finita anzi il volume si alza sempre di più e arriva l’inaspettato 6-0 per Cecchinato.

Si va al quarto set con Pablo Andujar che ritorna in partita tenendo bene i suoi turni di servizio e il parziale si conferma equilibrato fino al 5-5-. Ma ancora una volta il Ceck riesce a strappare la battuta allo spagnolo e vince il 4° set per 7-5. Grande rimonta per il tennista italiano che si gioca tutto al quinto dopo essere stato sotto due set a zero! Ne Avete già abbastanza? Manco per niente perché la musica nell’ultimo e decisivo parziale si alza e Cecchinato la fa sentir bene tanto da far ricordare ai più nostalgici il famoso concerto di Freddy Mercury a Wembley del 1986. L’azzurro seppur nel campo 13 del Roland Garros di Parigi e non nel bellissimo stadio di Londra, emoziona alla stessa maniera i fans e con un doppio break sale a condurre per 5-0. E il momento più atteso arriva, una “Bohemian Rhapsody” tennistica, all’italiana, che si descrive però con una parola spagnola proprio come il suo avversario Andujar: Remuntada! E’ quella che avviene in maniera spettacolare per il Ceck che vince il quinto set e incontro con un altro 6-0. Inutile dire che la terra di Parigi esalta il tennista azzurro che dopo un inizio di match in netta difficoltà fa ricredere anche i più pessimisti portando a casa una partita che sembrava persa dopo 4 ore circa di gioco. Al secondo turno Cecchinato se la vedrà con il polacco Hurkacz giustiziere di Zeppieri.

Ultime notizie