venerdì, 20 Maggio 2022

Palermo, calci pugni e colpi di bottiglia: pestato a sangue salvato dall’arrivo dei Carabinieri. Tre arresti

I tre sono finiti agli arresti domiciliari con l'obbligo del braccialetto elettronico. Il ragazzo vittima del pestaggio ne avrà per 12 giorni.

Da non perdere

Da nord a sud i giovani sono violenti nelle ore notturne. Se i milanesi hanno vissuto la notte dei coltelli che ha riportato 5 feriti di cui uno grave, a Palermo, durante la movida notturna del 20 febbraio, tre giovani di 22, 25 e 30 anni sono stati colti in flagranza da una pattuglia dei Carabinieri durante un’attività di controllo. I militari hanno sottratto  ragazzo al pestaggio che stava subendo, preso a calci e pugni e perfino con una bottiglia di vetro. Due degli aggressori si sono dati alla fuga, l’altro è stato acciuffato.

Video aggressione violenta

I Carabinieri, durante le indagini, hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico dei due giovani fuggiti. Il giudice per le indagini preliminari, su richiesta della Procura, ha emesso la misura cautelare gli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico sia per i due complici fuggiti sia per il ragazzo bloccato sul fatto; per quest’ultimo è già stato convalidato l’arresto. Alla vittima sono stati dati 12 giorni di prognosi subito dopo il trasporto immediato in ospedale.

Ultime notizie