martedì, 25 Gennaio 2022

Juventus 1-1 Napoli: la apre Mertens e pareggia Chiesa. I bianconeri non accorciano in classifica

Il big match Juventus-Napoli termina con il risultato di 1-1: i bianconeri non sfruttano l'occasione dello scontro diretto per accorciare le distanze dalla zona Champions.

Da non perdere

Per chiudere momentaneamente questa 20esima giornata di Serie A, in attesa della decisione ufficiale sugli eventuali recuperi delle partite che non si sono giocate a causa dei contagi da Covid-19, Juventus e Napoli si affrontano all’Allianz Stadium in un match di estrema importanza per la qualificazione in UEFA Champions League. Anche questa partita è stata in dubbio fino all’ultimo minuto a causa dei numerosi assenti per Covid nei partenopei, ovvero Meret, Fabián Ruiz, Lozano, Malcuit, Mario Rui e Osimhen, senza tener conto del fatto che mister Spalletti ha dovuto fare a meno anche di Koulibaly, Zambo Anguissa e Ounas, impegnati in Coppa d’Africa. Nella Juventus assenti invece Chiellini e Pinsoglio per Covid e Bonucci e Danilo per infortunio.

I bianconeri partono forte e spaventano in più occasioni la difesa avversaria soprattutto grazie alle giocate di Federico Chiesa, tornato oggi titolare dopo 5 giornate di assenza per infortunio. La Juventus rimpiange però le occasioni non concretizzate, perché è il Napoli a sbloccare il match con la rete di Dries Mertens a metà del primo tempo: nasce tutto da un grande lancio del capitano Insigne nella sua prima partita da futuro giocatore del Toronto, Politano fa sponda a Mertens e il belga calcia verso la porta avversaria, trovando il gol anche grazie ad una leggera deviazione di Szczesny che elude l’intervento di De Ligt, il quale si era reinventato portiere aggiunto tentando di parare il tiro del belga con il corpo.

I padroni di casa provano a reagire con azioni pericolose che continuano quasi sempre a partire dal piede di Chiesa, ma il Napoli gestisce bene la palla, tentando anche di raddoppiare il vantaggio di tanto in tanto. La prima frazione di gara si chiude con gli ospiti in vantaggio per 0-1 e un episodio dubbio riguardante un possibile calcio di rigore non assegnato alla Juventus: Cuadrado calcia verso la porta di Ospina e il tiro viene deviato dal braccio di Mertens, ma il direttore di gara non ritiene necessario assegnare il penalty per i bianconeri.

La Juventus ci mette meno di dieci minuti dall’inizio del secondo tempo per trovare la rete del pareggio, e il tabellone non poteva che segnare il nome di Federico Chiesa: McKennie mette palla in area cercando Morata, lo spagnolo viene anticipato da Rrahmani, ma la palla carambola dalle parti di Chiesa che non può fare a meno di calciarla di prima intenzione infilandola alle spalle di Ospina, favorito da una leggera deviazione di Lobotka. La rete dell’esterno bianconero, che mancava dal 2 novembre scorso nella vittoria per 4-2 in Champions League con lo Zenit, dà una spinta ai compagni che cavalcano l’onda dell’entusiasmo e mettono sotto gli avversari per un paio di interminabili minuti, andando ad un passo dal 2-1.

Il Napoli riesce a ristabilire l’equilibrio del match e nella mezz’ora seguente di gara si vedono occasioni da una parte e dall’altra, ma con i bianconeri nettamente più pericolosi rispetto che al primo tempo, anche grazie alla presenza in campo di Paulo Dybala. Nonostante i botta e risposta tra le due squadre e gli altissimi ritmi mantenuti per oltre 90 minuti, le reti dell’Allianz Stadium non si gonfiano ulteriormente e il match termina in parità con il risultato di 1-1: la Juventus sciupa l’occasione dello scontro diretto e non accorcia le distanze dal Napoli che resta a +5 dai bianconeri.

Ultime notizie