domenica, 28 Novembre 2021

Marito terminale e figlio carabiniere a 700 chilometri, mamma Sabina all’Arma: “Rimandate a casa il mio Nicola”

Papà Giuseppe è stato rimandato a casa dai medici, per lui non c'è più nulla fare; Sabina, anche con l'aiuto dell'altra figlia, non riesce ad accudirlo e vorrebbe avere suo figlio Nicola accanto, ma le 11 istanze di trasferimento da Firenze in Puglia fin qui presentate sono state tutte respinte.

Da non perdere

Mamma Sabina ha quasi 70 anni, ha sei bulloni nella schiena e un’invalidità riconosciuta al 67%. Sposata da sempre con Giuseppe, lo ha visto ammalarsi e diventare via via sempre più grave; invalido al 100% già dal 2014, le sue condizioni sono peggiorate progressivamente, e adesso e a casa loro, a Bitonto, terminale, dopo essere stato anche intubato negli ultimi giorni, rimandato a casa dai medici perché ormai non possono fare più niente. La figlia, sposata e mamma di una bimba, fa quello che può, ma papà Giuseppe è un omone di 90 chili; l’unico che potrebbe essere d’aiuto è l’altro figlio, Nicola, carabiniere per scelta, che però vive su disposizione dell’Arma a 700 chilometri.

“Voglio solo che mio figlio stia a casa, vicino al padre – dice Sabina -, non capisco perché non lo trasferiscono”. E dire che Nicola istanze ne ha presentate ben 11, fra trasferimento temporaneo e definitivo, tutte respinte. Nicola è anche separato, padre di una bimba piccola di cui ha l’affido condiviso; la famiglia si è sfasciata quando lui è stato trasferito prima da Castelvolturno a Secondigliano, e poi in Toscana. Così, mentre lui veniva spostato nella terra di Dante, lei è tornata in Puglia con la loro figlioletta, a Giovinazzo.

Tra legge 104 e affido, a un profano della materia come chi scrive, le condizioni per un avvicinamento di Nicola sembra che ci siano, non così per l’Arma. “Non si comprende il motivo – commenta Nicola del Vento, del Nuovo Sindacato Carabinieri – per cui forse non è stata valutata nella giusta considerazione questa emergenza sanitaria, che dovrebbe permettere a un figlio di assistere il padre negli ultimi momenti di vita”. Alla fine, mamma Sabina desidera dall’Arma nient’altro che una cosa: “Chiedo l’avvicinamento di mio figlio”.

Ultime notizie