giovedì, 9 Dicembre 2021

No green pass, il Viminale: “Questori potranno vietare manifestazioni”

Una direttiva del Viminale stabilisce che: "I questori ora potranno vietare cortei", e le restrizioni riguarderanno anche “manifestazioni su altri temi". I prefetti indicheranno o luoghi proibiti alle manifestazioni.

Da non perdere

Dopo la stretta del Ministero dell’interno sui cortei e sulle manifestazioni No Vax, No Green Pass, vietati da mercoledì 10 novembre, una direttiva del Viminale stabilisce che: “I questori ora potranno vietare cortei”, e le restrizioni riguarderanno anche “manifestazioni su altri temi”. Si riconosce il diritto al dissenso, ma le manifestazioni possono comportare “elevate criticità per ordine pubblico” dal momento che rappresentano un “potenziale pericolo per l’aumento dei contagi”.

Sarà compito dei prefetti indicare in quali luoghi saranno proibite le manifestazioni: “Si conferma che la cornice istituzionale più idonea per una valutazione collegiale e complessiva delle diverse situazioni che vengono in evidenza è rappresentata dal comitato provinciale per l’ordine la sicurezza pubblica. È nell’ambito di questo contesto che dovranno essere valutati, grazie anche all’apporto dei sindaci nella loro veste di autorità sanitaria locale, i profili di criticità suscettibili di caratterizzare taluni luoghi del tessuto urbano cittadino, alla luce dell’andamento del fenomeno epidemiologico”.

La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha ritenuto necessaria questa direttiva dal momento che “L’evoluzione del fenomeno correlato alla protesta per le misure emergenziali dettate dal Covid 19” rende “necessaria l’urgente e immediata attuazione” dello stop alle manifestazioni nelle “aree sensibili” delle città.

Ultime notizie