giovedì, 9 Dicembre 2021

Uccise la moglie durante il primo lockdown, condannato a 18 anni il marito aguzzino

Il giudice ha derubricato il reato di morte in conseguenza ai maltrattamenti condannando l'uomo a 18 anni di carcere e 3 di libertà vigilata.

Da non perdere

Condannato Cristian Locatelli 42 anni, di Terno d’Isola (Bergamo) per la morte della compagna  Viviana Caglioni 34 anni avvenuta il 31 marzo 2020, durante il primo lockdown. La donna è morta in ospedale dopo un’agonia di 6 giorni a seguito dei maltrattamenti subiti nell’abitazione di via Maironi da Ponte, a Valverde. Secondo la ricostruzione fatta dall’accusa la donna sarebbe morta a causa dei maltrattamenti subiti dal compagno; per la difesa la vittima sarebbe caduta per due volte, accidentalmente, dalle scale.

Nella giornata di oggi è arrivata la condanna da parte dal giudice Giovanni Petillo: dalla originaria contestazione di omicidio volontario la corte ha derubricato il reato in morte in conseguenza di altro reato (maltrattamenti). L’uomo dovrà quindi scontare 18 anni di carcere alla fine dei quali ci saranno 3 anni di libertà vigilata.

Ultime notizie