mercoledì, 8 Dicembre 2021

Ballottaggi, seggi aperti: si vota in 65 Comuni. Occhi su Roma Torino e Trieste

Urne aperte fino alle 23, si prosegue domani fino alle 15, poi lo scrutinio. Tutti i big dei partiti si sono spesi in prima persona, in qualche caso con successo, in altri no, è un chiaro test sulle alleanze in vista di possibili futuri scenari.

Da non perdere

Seggi e urne aperte dalle 7 di questa mattina in 65 Comuni, sono iniziate le operazioni di voto per i ballottaggi delle amministrative che termineranno alle 23 di oggi e riprenderanno dalle 7 alle 15 di domani, lunedì 18 ottobre. Lo scrutinio inizierà subito dopo. Al voto sono chiamati circa 5 milioni di cittadini; tra i 10 capoluoghi gli occhi di tutti sono su Roma, dove l’uscente grillina Raggi non ce l’ha fatta e assiste da spettatrice, su Torino, e sulla turbolenta Trieste, nuovo centro politico del Paese per il fronte di protesta anti green pass. Proprio la certificazione verde è diventata il nuovo oggetto della discordia.

Pur essendo entrato in vigore dal 15 ottobre l’obbligo nei luoghi di lavoro, non è richiesto per i componenti dei seggi normali, al contrario di quelli ospedalieri e per la raccolta del voto domiciliare, come spiegato da una circolare del Viminale. Senza girarci troppo intorno, queste amministrative hanno una chiara valenza nazionale. Tutti i big dei partiti si sono spesi in prima persona, in qualche caso con successo, in altri no, è un chiaro test sulle alleanze in vista di possibili futuri scenari. Non dimentichiamo che tra poco si voterà il nuovo Presidente della Repubblica e quasi tutti spingono per vedere Mario Draghi al Colle, permettendo così di liberare la poltrona di Palazzo Chighi.

Ultime notizie