sabato, 4 Dicembre 2021

Roma2021, ballottaggio Gualtieri-Michetti: caccia ai voti degli indecisi

Nella città dei cinghiali, tra istrici a passeggio e tori che bloccano il traffico la scelta è tra l'avvocato Enrico Michetti per il centrodestra e l'ex ministro Roberto Gualtieri del centrosinistra. La sindaca uscente, Virginia Raggi, ha lasciato i suoi elettori liberi scegliere. Conte sta con Gualtieri.

Da non perdere

Giovedì sera su Sky il faccia a faccia tra Enrico Michetti, centrodestra, e Roberto Gualtieri, centrosinistra, i due candidati sindaco della Capitale, al ballottaggio delle elezioni amministrative 2021. I due, nei pochi minuti a disposizione, hanno esposto il loro programma politico che prenderà in carico l’eredità lasciata dalla sindaca uscente Virginia Raggi. Accusata da entrambi, fin dal primo turno alle elezioni, di “immobilismo”, è ora “corteggiata” nel tentativo di acquisire i voti dei 5 Stelle che non hanno più un candidato nella corsa alla guida di Roma. La Raggi, infatti, nella prima tornata elettorale, ha ottenuto ben 211.936 preferenze, ossia il 19,09% degli elettori complessivi. Non pochi, insomma. Sicuramente abbastanza da far cambiare opinione ai due candidati sull’operato della pentastellata, soprattutto a Roberto Gualtieri che, in questi ultimi giorni, ha espresso giudizi positivi sulla sindaca uscente, riconoscendole meriti per il lavoro svolto e per l’impegno profuso in questi anni in carica, nonostante gli attacchi rivolti proprio a lei fino alla settimana prima dell’apertura dei seggi.

Gualtieri sente di avere la vittoria in tasca, promettendo che “dopo i festeggiamenti di lunedì, che dureranno poco, si inizierà subito al lavorare per far rinascere Roma”. Nel duello all’ultimo respiro, il suo avversario, Enrico Michetti del centrodestra, ribatte: “Abbiamo trascorso gli ultimi mesi tra la gente e per la gente. Per ascoltare, per raccontare la nostra visione di città. Lo abbiamo fatto con la volontà di metterci al servizio di Roma e dei romani con competenza, esperienza e amore. Siamo pronti a cambiare il futuro della Capitale”.

Michetti sembra partire in vantaggio, con il 30,14% di consensi ottenuti al primo turno rispetto al 27,03% di Gualtieri che potrebbe, però, raccogliere anche i voti di Calenda e dei pentastellati indecisi. La sindaca uscente, Virginia Raggi, ha infatti lasciato i suoi elettori liberi scegliere: “Non darò indicazioni di voto al ballottaggio. Il voto è libero, i voti non sono pacchetti e i cittadini non sono mandrie da portare al pascolo”. Conte, invece, spalleggia pubblicamente Gualtieri, Mentre Carlo Calenda, il leader di Azione, ha promesso i suoi 219.878 voti a Gualtieri, in cambio del ruolo di presidente del consiglio comunale, nel caso in cui dovesse uscire vincitore. Domenica e lunedì, quindi, si riaprono le urne e sarà tutto da rifare.

Ultime notizie