martedì, 19 Ottobre 2021

Traffico di ossa tra Lombardia e Abruzzo, buona fede salva un ingegnere: “Fa collezione non è satanismo”

Non si tratterebbe di satanismo o mercimonio di morti: l'uomo è un collezionista, resta l'illecito amministrativo sul possesso di reperti.

Da non perdere

La macabra scoperta di un traffico di ossa umane individuato dai Carabinieri, ha portato all’apertura di un’inchiesta da parte della Procura della Repubblica di Milano che ora, a distanza di tre anni di indagini, ha archiviato la posizione di un ingegnere milanese, derubricato a “collezionismo”, nonostante l’illecito amministrativo sul possesso di reperti. Per i giudici non si tratterebbe quindi di satanismo o mercimonio di morti ma solo interesse scientifico. Le indagini erano iniziate dopo l’individuazione di pacchi postali contenenti teschi e diretti negli Stati Uniti e in Svizzera, completate poi con la perquisizione dell’appartamento dell’ingegnere dove erano stati ritrovati quaranta reperti tra teschi, colonne vertebrali, femori e clavicole.

L’uomo ne era in possesso tramite un anatomopatologo di Praga e da un collezionista dell’Aquila. Per tutti è valsa la buona fede, l’ingegnere non sapeva che le ossa fossero detenute illecitamente da chi le aveva spedite, facendo così archiviare l’ipotesi di reato. Ciò che è rimasto però è l’illecito amministrativo della detenzione di ossa umane, che per il regolamento di polizia mortuaria, non possono circolare fuori dai cimiteri, a meno che destinate a studi o parenti delle salme. Infine, le ossa sono state confiscate e portate alla collezione antropologica del laboratorio Labanof dell’Università degli Studi di Milano.

 

 

Ultime notizie