domenica, 26 Settembre 2021

L’America si ferma a Ground Zero: il mondo ricorda l’11 settembre 2001

Il Presidente Joe Biden e la First Lady, insieme agli Obama e ai Clinton sono arrivati a Ground Zero per la cerimonia commemorativa dell'11 settembre 2001: per le vittime, per tutti i sopravvissuti e per chi ha comunque perso qualcuno. Pesa l'assenza polemica dell'ex presidente Donald Trump.

Da non perdere

Il Presidente americano Joe Biden e la First Lady Jill sono arrivati a Ground Zero per le commemorazioni dell’11 settembre 2001. Presenti anche Barack e Michelle Obama, Bill e Hillary Clinton; mentre nel parterre del Presidente ci sono l’ex Sindaco di New York Micheal Bllomberg e la Speaker della Camera Nancy Pelosi. Tutti insieme per la cerimonia in ricordo di quello che 20 anni fa è accaduto nella “Grande mela”: tre aerei dirottati, nel giro di pochi minuti uno dall’altro, si schiantano contro le Torri Gemelle che tra le 9:59 e le 10:28 crollano. Pesa oggi l’assenza polemica dell’ex presidente Donald Trump, ancora una volta schierato dall’altra parte, dal lato di quelli che dividono anzi che unire.

Quel giorno è cambiata la vita non solo di tutta l’America, ma di tutta l’umanità. E oggi la gente sopravvissuta al proprio dolore e a quello degli altri, si è riunita per salutare, nuovamente, chi non c’è più. La cerimonia è iniziata con l’inno degli Stati Uniti, al quale è seguito il primo dei diversi minuti di silenzio previsti nella giornata. A seguire, davanti a una città che si è stretta a sé, al Presidente Joe Biden, alla vice Kamala Harris, agli ex Barack Obama e Bill Clinton, i parenti delle vittime sono saliti sul palco, elencando i nomi di tutte le vittime, mostrando le loro foto e dedicando poesie, ricordi e testimonianze.

Commemorazione Ground Zero

Ad unirsi a questo ricordo anche il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella: “Quella tragedia ci ha uniti nel segno del dolore. La memoria della barbara aggressione di vent’anni or sono ci spinge con sempre maggiore vigore a proteggere quella cornice comune di valori che risponde ai principi di libertà e pacifica convivenza tra popoli”. La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è vicina in questo giorno a tutta l’America: “L’11 settembre ricordiamo coloro che hanno perso la vita e onoriamo coloro che hanno rischiato tutto per aiutarli. Anche nei momenti più bui e difficili, il meglio della natura umana può trasparire l’Ue è al fianco degli Usa nella difesa della libertà e della compassione contro l’odio”.

Ultime notizie